Chiarimento per maggiorazione Assegno Universale Unico (AUU) – Un genitore è lavoratore dipendente e l’altro coadiuvante familiare


I genitori del minore potranno fruire della maggiorazione se il coadiuvante è stato inquadrato con rapporto di lavoro subordinato

Sono coadiuvante di un’impresa (quindi non percepisco reddito) mio marito invece è lavoratore dipendente e il nostro ISEE non supera i 40 mila euro: volevo quindi sapere se potremo avere la maggiorazione, di cui all’articolo 4 comma 8 del decreto legislativo 230/2021, prevista per le famiglie in cui entrambi i genitori siano titolari di reddito da lavoro e con Isee fino a 40mila euro.

In base all’articolo 230 bis del codice civile, il familiare (coadiuvante) che presta in modo continuativo la sua attività di lavoro nella famiglia o nell’impresa familiare ha diritto al mantenimento secondo la condizione patrimoniale della famiglia e partecipa agli utili dell’impresa familiare ed ai beni acquistati con essi nonché agli incrementi dell’azienda, anche in ordine all’avviamento, in proporzione alla quantità e qualità del lavoro prestato.

Il coadiuvante familiare può essere inquadrato con un rapporto di lavoro subordinato (di cui all’articolo 2214 del codice civile), dal contratto di società (di cui all’articolo 2251 del codice civile) oppure dall’associazione in partecipazione (di cui all’articolo 2549 del codice civile).

Per quel che attiene la maggiorazione per l’assegno unico universale, la norma è chiara: nel caso in cui entrambi i genitori siano titolari di reddito da lavoro, é prevista una maggiorazione per ciascun figlio minore pari a 30 euro mensili: tale importo spetta in misura piena per un ISEE pari o inferiore a 15mila euro, mentre per livelli di ISEE superiori, esso si riduce gradualmente fino ad annullarsi in corrispondenza di un ISEE pari a 40 euro. Per livelli di ISEE superiori a 40 mila euro la maggiorazione non spetta.

Pertanto i genitori, di cui uno lavoratore dipendente e l’altro coadiuvante di impresa familiare, potranno fruire della maggiorazione di cui all’articolo 4 comma 8 del decreto legislativo 241/2021 se, e solo se, il coadiuvante familiare è stato inquadrato con contratto di lavoro subordinato. Da ricordare, inoltre, che la maggiorazione si applica se si hanno più di due figli o per figli non autosufficienti e disabili.

10 Febbraio 2022 · Tullio Solinas

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 197 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Chiarimento per maggiorazione Assegno Universale Unico (AUU) – Un genitore è lavoratore dipendente e l’altro coadiuvante familiare. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.