Chiarimenti isee quote immobiliari ai fini RdC

I miei genitori purtroppo non hanno più reddito e volevano chiedere il RdC, il nostro ISEE è poco più di 8 mila euro. Abitano presso la mia casa (pago il mutuo) che viene detratta come prima casa. Non capisco perché, invece, conteggiano a mia madre l’intero valore di due immobili che ha in comproprietà con sua sorella e mia nonna. È normale oppure si tratta di un errore di calcolo?

Se effettivamente è stato conteggiato a sua madre l’intero valore di due immobili che ha in comproprietà con la sorella e con la di lei madre, è molto probabile che nella Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) redatta ai fini del calcolo dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) non siano state indicate le percentuali di proprietà dei due cespiti (infatti, nella terza colonna della tabella presente nel del quadro FC3 va riportata, in percentuale, la quota posseduta dal soggetto titolare).

Comunque, per esperienza personale posso affermare che già la sola comproprietà di un immobile che non sia fatiscente, ma nel quale il comproprietario non vi abbia residenza, preclude, quasi sempre, la possibilità di accedere al beneficio del reddito di cittadinanza, non essendo applicabile al patrimonio immobiliare ai fini ISEE la rilevante franchigia prevista quando il comproprietario risiede nell’immobile. Ed in ogni caso, tenendo conto del reddito ISEE associato alla comproprietà di un solo immobile non abitato dal richiedente, l’importo del beneficio RDC si riduce a pochi spiccioli al mese, nelle circostanze più favorevoli.

8 Ottobre 2020 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Decorrenza della titolarità della piena proprietà ai fini della DSU/ISEE su un bene detenuto in usufrutto da un soggetto deceduto
A maggio 2017 è deceduta mia nonna, la successione, con la quale abbiamo ereditato quote di immobili è stata aperta nel 2018. Mio nonno aveva l'usufrutto sia su terreni che immobili fino a che è morto a dicembre 2018. A nostra volta abbiamo aperto la successione del nonno e tolto l'usufrutto nel 2019. Per l'isee 2020 devo dichiarare che ho posseduto beni per 14 giorni (dicembre 2018) senza usufrutto oppure bisogna tenere conto di quando abbiamo aperto la successione e tolto l'usufrutto? Andrò a dichiararli l'anno prossimo? ...

Nucleo familiare e detrazione casa di abitazione fini ISEE
Sono uno studente di 23 anni, sono alla magistrale al Politecnico di Torino, ma residente in Basilicata. Devo presentare l'ISEE per la riduzione delle tasse e vorrei compilare da solo la DSU sul sito dell'INPS. Ho dei dubbi circa la compilazione del modello, dunque vorrei esporvi la mia situazione. Ho un solo genitore, ma ho residenza diversa da quella di mia madre. Non lavoro e quindi non ho entrate, ma oltre a possedere l'immobile dove risiedo, ho delle liquidità economiche che mi permettono, anche se, con molte limitazioni, di vivere e pagarmi gli studi. A Torino ho una stanza in ...

Chiarimento isee immobili
Ho un dubbio sulla compilazione isee: mi accingo a fare la DSU dal sito dell'Inps per mia nonna, l'ho già fatto per mia mamma quest'anno e devo dire che la proceduta è un po' macchinosa ma è fattibile. Tuttavia per la compilazione della sezione immobili per quello di mia nonna c'è il seguente problema: mia nonna era proprietaria della casa in comunione dei beni con mio nonno, morto lui hanno ereditato lei e i figli e a quanto mi risulta con diritto di abitazione in quanto coniuge superstite. Tuttavia, qualche anno fa, mio zio, uno degli eredi e comproprietari, ha ...

Dove mi trovo?