Chi può stipulare un contratto di fornitura di luce, acqua o gas

Ho la residenza presso una unità abitativa come ospite del proprietario convivente (io e lui apparteniamo a due famiglie anagrafiche diverse e, quindi, a due nuclei familiari distinti.

Posso effettuare la voltura delle utenza domestiche di gas, luce e acqua?

In base alla normativa vigente, il venditore deve rifiutare il contratto di fornitura, la voltura o il subentro se il cliente non dimostra, anche tramite autocertificazione, di avere titolo che attesti la proprietà, il regolare possesso o la regolare detenzione dell’unità immobiliare: ad esempio, il contratto di locazione, il contratto di comodato, il contratto o la sentenza giudiziale di separazione/divorzio che conferisce il diritto di abitazione al coniuge separato/divorziato, il contratto di usufrutto, oppure l’atto di acquisto dell’unità abitativa da rifornire.

Il cliente può ottenere la voltura (cosiddetta umana), anche come erede, in caso di successione legittima in occasione del decesso dell’intestatario del contratto oppure, non essendo erede, in occasione sempre del decesso dell’intestatario, qualora il nuovo intestatario faccia parte della stessa famiglia anagrafica del defunto.

6 Giugno 2022 · Marzia Ciunfrini



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Chi può stipulare un contratto di fornitura di luce, acqua o gas