Madre fa da garante al figlio per un prestito finalizzato all’acquisto di un’automobile – Se il figlio non paga cosa succede?


Mi sono messa d’accordo con un recupero crediti per un prestito non rimborsato intestato a mio figlio e di cui sono garante: in effetti le rate sono state pagate sempre, mancano quelle legate alla pandemia periodo in cui mio figlio non lavorava.

Per eliminare eventuali disagi anche a me mi sono messa in contatto con la finanziaria la quale mi ha mandato il contratto dove è inserita la seguente dicitura “Inoltre, pur a fronte di puntuale ed integrate pagamento alle scadenze sopra indicate, se entro 6 mesi ed un giorno dalla data dell’accreditamento dell’ultimo pagamento fossimo costretti a restituire a chicchessia in tutto o in parte le somme percepite, potremmo ritenere risolto il presente accordo e pretendere it pagamento integrale (al netto di quanto nel frattempo incassato e non oggetto di restituzione) del nostro credito.

Decorso invece tale periodo senza aver ricevuto richieste restitutorie dopo il regolare ed integrate pagamento di quanto concordato, nulla sarà più dovuto da parte Sua, né da parte di eventuali coobbligati/garanti/fidejussori alla nostra Società, Volkswagen Bank Gmbh SpA, in relazione al contratto riportato in oggetto”

Secondo me non è da firmare. Io vorrei continuare a pagare al posto di mio figlio.
Cosa può succedere??

Una storia frequente: il figlio insiste affinché il genitore gli faccia da garante per l’acquisto di un’automobile e poi al genitore garante incombe l’onere di pagare la maggior parte delle rate che il figlio debitore principale, per le più svariate motivazioni, non è riuscito ad onorare.

Purtroppo il garante non può continuare a pagare le rate a cui il figlio non ha ottemperato: dopo sette ritardi, infatti, interviene la Decadenza dal Beneficio del Termine, il contratto si risolve, si perde il beneficio della dilazione e bisogna pagare il residuo del prestito non rimborsato in una sola soluzione.

A quel punto il garante può raggiungere un accordo e saldare il debito: l’alternativa è il pignoramento dello stipendio netto nella misura del 20% mensile. Che potrebbe essere anche vantaggioso rispetto all’accordo proposto dalla finanziaria creditrice.

12 Luglio 2021 · Ludmilla Karadzic



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Madre fa da garante al figlio per un prestito finalizzato all’acquisto di un’automobile – Se il figlio non paga cosa succede?