cessione di immobile ereditato e revocatoria ADER


Azione revocatoria ordinaria di atti dispositivi del debitore (alienazione immobile donazione costituzione fondo patrimoniale)

Il primo gennaio 2020 mio padre e’ deceduto, lasciando una autovettura e un appartamento di vacanza fuori regione, cointestato con mia madre: io sono il figlio, nullatenente e indebitato con ADER dal 2000 per circa 100 mila (prevalentemente IVA non versata).

Tralasciando l’ autovettura, senza valore, sarei erede di 1/4 dell’ appartamento, porzione valutabile intorno ai 50 mila euro.

Negli anni, ci sono stati trasferimenti di denaro dal conto corrente di mia madre al mio, spesso con causale “prestito infruttifero”, la somma dei quali (negli ultimi 10 anni) ammonta a circa 45/50.000 euro.

Alcuni professionisti locali consigliarono la mia rinuncia all’ eredità, ma in teoria, so che non risolverebbe e metterebbe la palla in mano a ADER (ipoteca o pignoramento dell’ immobile intero, ad esempio) quindi sono stato fermo.

le domande:

1) se cedo l’ appartamento a mia madre, motivando in rogito la cessione a estinzione del mio debito con lei, ADER potrebbe comunque revocare? io so che “Non è soggetto a revoca l’adempimento di un debito scaduto”, ma con la pubblica amministrazione la musica potrebbe essere diversa.

2) in caso di rinuncia, e’ quantificabile la probabilità di pignoramento etc., trattandosi di quota di immobile? mi sembra strano che professionista, anche qualificati, siano concordi nel ritenere la rinuncia l’ unica (o piu’ semplice) strada sicura.

3) cosa si intende per “scaduto”, applicato a un debito? mia madre dovrebbe fare qualcosa o basta l’ esistenza dei detti prestiti? sono io che posso offrirmi di estinguere il mio debito con lei, o e’ lei che deve esigerli da me, via..chesso’, raccomandata, PEC etc?

sono in attesa anche di verificare eventuali prescrizioni del debito + il testo del nuovo decreto ristori 2021 che forse conterra’ un altro saldo&stralcio, ma questo e’ fuori argomento.

Ringrazio per il servizio generosamente offerto, anche in passato.

Stefano G.

Lei è molto bene informato: tuttavia, per eccepire l’applicazione dell’articolo 2901 del codice civile (condizioni per l’applicazione della revocatoria ordinaria) nella parte in cui recita che non è soggetto a revoca l’adempimento di un debito scaduto, lei dovrebbe essere in grado di dimostrare che i debiti contratti con sua madre, oltre ad essere certi, liquidi ed esigibili, siano antecedenti e già scaduti alla formazione del debito esattoriale conseguente all’omesso versamento dell’IVA.

Per quanto attiene l’ipotizzata rinuncia dell’eredità (a favore dei figli o della genitrice del chiamato debitore) va detto che ai sensi dell’articolo 524 del codice civile (impugnazione della rinuncia) se taluno rinuncia ad una eredità in danno dei propri creditori, questi possono farsi autorizzare dal giudice ad accettare l’eredità in nome e luogo del rinunciante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti. I professionisti da lei consultati contano, evidentemente, sul decorso della prescrizione quinquennale inerente il diritto del creditore di impugnare la rinuncia del chiamato debitore: si spera cioè che Agenzia delle Entrate Riscossione lasci decadere il proprio diritto per mancanza di informazioni e per la conclamata inefficienza che caratterizza la Pubblica Amministrazione.

L’articolo 1184 del codice civile ci aiuta nel comprendere cosa debba intendersi come debito scaduto: si tratta, in sostanza di un adempimento regolato da una scrittura privata con data certa (autenticata o registrata all’Agenzia delle Entrate). Insomma, un accordo scritto, con data certa, in cui siano state chiaramente fissate le modalità e le tempistiche di rimborso del prestito. Onestamente, non credo che generici bonifici da madre a figlio (seppur con causale prestito infruttifero) senza un piano di ammortamento allegato ad una scrittura privata autenticata o registrata, possano costituire fondate prove di debiti scaduti da opporre in una eventuale azione revocatoria – promossa da Agenzia delle Entrate Riscossione – inerente la cessione alla propria genitrice della quota di eredità legittima spettante al chiamato debitore.

6 Febbraio 2021 · Marzia Ciunfrini

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: 


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 210 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse » cessione di immobile ereditato e revocatoria ADER. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.