Importo rata del prestito dietro cessione del quinto dello stipendio non trattenuto sul rateo mensile dopo il collocamento in pensione


Sono in pensione dal 01/02/2021, tuttavia sia a febbraio che a marzo non mi è stata trattenuta la rata che prima pagavo con ASL: come mi devo comportare? All’ASL mi hanno detto che il CAF che ha fatto la domanda ha omesso la voce e che avrebbero sollecitato loro. Ma quanto ci sarà da aspettare?

Conviene sollecitare l’ultimo datore di lavoro (ASL) a notificare all’INPS l’esistenza di una cessione del quinto sullo stipendio che deve continuare ad essere applicata anche sulla pensione, altrimenti, poi, sarà costretto a recuperare le rate del piano di ammortamento non versate con effetti indesiderati di prelievo dalla pensione.

In effetti il problema è nato da una omissione della ASL (il CAF c’entra poco), la cui amministrazione doveva notificare all’INPS l’esistenza del prestito dietro cessione del quinto non estinto con il passaggio in quiescenza: se le cose verranno fatte presto e bene, dal prossimo rateo il prelievo dovrebbe figurare nel cedolino. Suggerisco di affrontare la questione anche con la finanziaria cessionaria, in modo da concordare come recuperare le rate ad oggi non versate, se con un extra versamento rateizzato, oppure con una modifica del piano di ammortamento, posponendo le rate non versate dopo la data di estinzione del prestito precedentemente prevista.

21 Febbraio 2021 · Tullio Solinas



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Importo rata del prestito dietro cessione del quinto dello stipendio non trattenuto sul rateo mensile dopo il collocamento in pensione