Comunicazione notificata oggi - Possibile che il diritto di credito nei miei confronti sia stato ceduto ad altra banca?

Ho ricevuto oggi una raccomandata A/R nella quale mi viene comunicato che il mio debito verso una Banca X è stato ceduto alla Banca Y per un ammontare complessivo di 8.303,35 oltre ad interessi di mora calcolati alla data della cessione. Mi si comunica inoltre .."abbiamo provveduto a dare continuità alla segnalazione a sofferenza nella centrale dei Rischi della sua posizione debitoria ad oggi sussistente.

Mi si chiede il pagamento entro 20 giorni oppure si vedranno costretti ad intraprendere tutte le iniziative volte al recupero di quando dovuto.
Possibile che la Banca abbia ceduto il mio debito ad altra Banca e non a una società di recupero crediti?

Cosa significa questa raccomandata? Potrebbe essere un decreto ingiuntivo?

Non si tratta di una decreto ingiuntivo (che è emesso da un Tribunale e non da una banca) ma di una semplice comunicazione di cessione del credito a cui il creditore cedente è obbligato per legge e che, fra l'altro, le rende note le generalità del nuovo creditore con il quale, in futuro, dovrà necessariamente interagire.

Come inoltre sappiamo, quando il debitore inadempiente risulta iscritto ad una Centrale di Rischio, interviene la cancellazione automatica della posizione decorsi 36 mesi dalla segnalazione. La banca cedente le comunica, quindi, di aver rinnovato la segnalazione, ragion per cui la cancellazione automatica, nel caso di persistente inadempienza, verrà cancellata solo allo scadere del prossimo triennio: sempre che, nel frattempo, il creditore avente diritto non riterrà di dare nuovamente continuità alla segnalazione.

Ormai quasi tutte le banche (non solo quelle da qualche lustro specializzatesi nel settore) hanno avviato una propria attività nel campo del recupero dei crediti NPL (Not Performing Loans); acronimo che, in termini più casarecci indica i crediti non performanti o, meglio, problematici, deteriorati: insomma, spazzatura.

2 maggio 2017 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cessione del credito
comunicazione cessione credito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno protestato per difetto di autorizzazione - Se il carnet è stato rilasciato dopo la revoca di sistema la banca è solidalmente responsabile nei confronti del beneficiario
Se un assegno viene protestato per difetto di autorizzazione, allora vuol dire che chi lo ha emesso (il traente) è correntemente oggetto di un provvedimento di revoca di sistema che gli vieterebbe, appunto, la sottoscrizione di titoli di pagamento. Qualora il carnet, da cui è stato tratto l'assegno protestato, fosse ...
La notifica della cessione del credito e le implicazioni per il debitore
Come sappiamo il creditore C (tipicamente una banca o una finanziaria) che ha erogato il prestito al debitore D, può cedere il suo credito ad un soggetto terzo che indicheremo con T (tipicamente una società di recupero crediti). In un simile contesto, il creditore C viene indicato come creditore cedente, ...
Imposta di registro - Criteri per la rettifica fiscale del valore dichiarato dell'immobile ceduto
Come noto, l'Amministrazione finanziaria può provvedere alla rettifica del valore dell'immobile ceduto, e alla conseguente liquidazione della maggiore imposta dovuta, se ritiene che il bene alienato abbia un valore venale superiore a quello dichiarato o al corrispettivo pattuito. Sarà sufficiente, al riguardo, prendere a riferimento i trasferimenti effettuati a qualsiasi ...
Come avviene il recupero del credito scaduto per le forniture di energia elettrica e gas
Le procedure di recupero del credito scaduto sono sostanzialmente identiche per le forniture di energia elettrica e gas: all'invio di un sollecito (phone collection per importi medio-bassi o con raccomandata per importi superiori a 150 euro) segue l'inoltro della raccomandata di costituzione in mora con preavviso di sospensione della fornitura ...
Conto corrente e deposito titoli - diritto di ritenzione illegittimo se interpretato come diritto della banca a vendere i titoli per soddisfarsi di un credito
Spesso, nei contratti di conto corrente con deposito titoli, ritroviamo clausole che prevedono il diritto di ritenzione: il diritto di ritenzione consente alla banca il realizzo dei titoli depositati dal cliente quando il saldo del rapporto di conto corrente risulti negativo ed il debitore non provveda, dopo l'invito della banca, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca