Cessione del credito e minaccia di espropriazione della casa

La mia banca ha venduto i crediti in sofferenza (mio compreso) alla banca IFIS: sono invalida civile portatrice di handicap, disoccupata senza nessun reddito con un mutuo di prima casa sulle spalle. Il debito residuo e poco più di 7 mila euro e ho chiesto il saldo e stralcio in soluzione unica di 1500 euro.

L’operatrice del recupero credito non lo vuole accettare dicendo che e troppo poco, ma non ho altro in più mi chiama da numero privato diverse volte al giorno.

Ieri mi ha mandato il modulo antiriciclaggio che ho difficoltà a compilare: non so più come fare, mi minaccia di prendermi la casa.

Come posso difendermi? Non sono cattiva pagatrice sono in grosse difficoltà.

Per il creditore chirografario (Banca IFIS) risulterà conveniente procedere ad una espropriazione immobiliare in presenza di una garanzia ipotecaria privilegiata gravante sulla casa, solo se il valore dell’immobile è tale da potersi presumere un valore di realizzo all’asta sufficiente a poter soddisfare innanzitutto il creditore ipotecario (la banca che ha erogato il mutuo) e quindi quello chirografario. Ma, in queste situazioni, è soprattutto il creditore ipotecario, qualora il mutuatario non risulti inadempiente ed il credito residuo elevato, ad opporsi all’espropriazione.

Voglio dire che fra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare … Se proprio non ha la possibilità di saldare il debito alzando l’importo offerto a saldo stralcio, può attendere le mosse del creditore per smascherare un eventuale bluff.

Non è che le possono prendere casa dalla sera al mattino: le procedure sono lunghe ed avrà sempre la possibilità di saldare il debito prima dell’espropriazione attraverso la procedura di conversione del pignoramento.

25 Giugno 2020 · Patrizio Oliva

La recupero credito non vuole assolutamente comunicare via pec, solo via telefono oppure attraverso normali e-mail: mi aiutate a capire?

La trattativa per raggiungere un accordo a saldo stralcio può benissimo svilupparsi via e-mail o a voce: una volta raggiunto l’accordo, per la tutela di entrambi, creditore e debitore, converrà scambiarsi le reciproche accettazioni della transazione via posta certificata o raccomandata postale AR.

26 Giugno 2020 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rifiuto della banca per un accordo transattivo a saldo stralcio del debito ed espropriazione della casa di proprietà
Dal 2010 ho in essere un contenzioso con la banca: avevo un debito di 11 mila euro e mi han fatto decreto ingiuntivo e pignoramento. Ho raggiunto un accordo per le rate ma la banca è andata avanti lo stesso fregandosene dei miei versamenti. Di fatto mi ritrovo tra interessi e spese a dover restituire ancora 8 mila euro nonostante ne abbia versati 7 mila. Il creditore ha chiesto la riscossione coattiva tramite pignoramento della casa di proprietà. Mi sono affidato ad una avvocato e dopo un anno di proposte di stralcio, non ho mai ricevuto una risposta, mai una. ...

Espropriazione casa e ricavato vendita all'asta inferiore al credito azionato - Per il residuo ne risponde il debitore?
Mia figlia quando ha fatto il mutuo con la BNL per l'acquisto della casa, la banca ha voluto oltre alle garanzie di mia figlia che lavorava, anche quella mia moglie che lavorava all'ENEL. Con la grande crisi sia mia figlia e che mio genero sono stati licenziati e pertanto sono saltati i pagamenti del mutuo. Oggi dopo tanti anni è arrivato il pignoramento della casa con relativa vendita all'asta presso uno studio di un avvocato. A tal proposito chiedo: debito della banca richiesto 160 mila euro vendita casa all'asta da 120 mila euro che sembra ci sia un solo acquirente. ...

Espropriazione forzata immobiliare di tipo esattoriale della prima ed unica casa del debitore - Quando il debitore può trasferirvi la residenza per evitare l'espropriazione?
Sono titolare di diritto di abitazione su una casa che da alcuni anni ho donato a mia moglie: per evitare pignoramento mobiliare di alcuni creditori ho trasferito la mia residenza in altro luogo. Mi chiedo se agenzia entrate dovesse citarmi in revocatoria (i termini di prescrizione non sono ancora scaduti) potrei nel corso del giudizio ritornare a prendere la residenza nella casa donata che tornerebbe ad essere quindi la mia prima e unica casa di residenza e quindi nel caso agenzia entrate dovesse vincere la revocatoria sarebbe comunque impignorabile visto che sarebbe la mia unica casa di residenza. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cessione del credito e minaccia di espropriazione della casa