Cerchi lavoro sul web? – Occhio alle truffe: ecco le più comuni

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!



Argomenti correlati:

Ho risposto ad un annuncio sul web dove si ricercava una figura professionale: dopo essermi candidato, sono stato contattato da un intervistatore il quale mi chiedeva, prima di mettermi all’opera, l’acquisto di un kit per lavorare.

E’ una truffa?

Tra i raggiri più frequenti nei quali incappano i consumatori spiccano le truffe in danno di chi cerca lavoro: si tratta indubbiamente degli inganni tra i più spregevoli perché fanno leva sulle speranze di chi sta cercando un’occupazione con il solo intento di “spillare” dei soldi al malcapitato di turno.

Le truffe in danno di chi cerca lavoro scelgono principalmente i giovani come vittime predilette: desiderosi di accedere al mondo del lavoro, sono infatti inclini a trascurare quelli che invece rappresentano dei veri e propri campanelli di allarme.

Complice la crisi, dobbiamo aggiungere che stanno aumentando i casi di raggiri anche in danno di persone appartenenti ad altre fasce di età, magari padri di famiglia che hanno da poco perso il lavoro e sono in cerca di nuova occupazione.

Le truffe in danno di chi cerca lavoro viaggiano spesso sul web con messaggi molto accattivanti (“vuoi guadagnare una rendita fissa mensile senza troppa fatica?”) che invitano a provare investimenti o a partecipare a meccanismi di vendita multilevel.

Proprio queste situazioni sono tra le più in voga: parliamo del trading online e del multilevel marketing! Ricordiamo però che, in entrambi i casi, serve una buona competenza e tanto tempo a disposizione. E soprattutto attenzione alle truffe, operate da siti di trading non autorizzati (ogni mese la Consob oscura decine di siti) oppure da sistemi di vendita piramidale (che ricordiamo, sono vietati per legge ).

Tornando alle truffe più tradizionali, non mancano quelle che fanno leva sull’ambizione a entrare nel mondo dello spettacolo, oppure le classiche proposte di lavoro a domicilio. Ecco le truffe più frequenti:

  • Invito per un provino, ma segue la richiesta di un corso di formazione a pagamento (oppure costoso book fotografico) con la promessa di una finta assunzione
  • Lavoro a domicilio con lauti guadagni, ma segue la richiesta di acquistare un kit per cominciare la collaborazione
  • Installazione distributori di gadget, caramelle, ma poi il consumatore non riuscirà a vedere alcun contratto
  • Iscrizione a un club che nasconde meccanismi di vendita piramidali

Ed ecco come difendersi dalle truffe in danno di chi cerca lavoro:

  • Diffidiamo di chi chiede somme di denaro per iniziare l’attività
  • Leggiamo sempre il contratto dall’inizio alla fine, e se sottoscritto a domicilio esercitiamo il recesso
  • Pretendiamo copia scritta del contratto, timbrata e firmata dal datore di lavoro
  • Verifichiamo se l’azienda è iscritta alla Camera di Commercio
  • Non firmiamo mai documenti in bianco
  • Facciamo una ricerca su Internet in cerca di notizie circa l’esperienza di altri

Ricordiamo inoltre che, in caso di problemi, è possibile rivolgersi alle Forze dell’ordine (Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza) e scrivere al nostro sportello.

23 Marzo 2022 · Giovanni Napoletano



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cerchi lavoro sul web? – Occhio alle truffe: ecco le più comuni





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!