Cerchi lavoro online? – Occhio alle truffe

Ho perso il lavoro e sto cercando di trovare un’occupazione, oltre che con i soliti canali, iscrivendomi a dei siti specializzati: molti annunci, però, sono poco chiari e fuorvianti.

Come accorgersi delle truffe che circolano?

La ricerca del lavoro dopo la pandemia da Covid è diventata un’attività abituale per molte persone: un valido aiuto da questo punto di vista proviene, per esempio, da app che mettono a disposizione annunci e offerte di lavoro per le più svariate categorie professionali.

Tuttavia, non sempre quando ci si mette in cerca di un nuovo impiego si ha la certezza di avere a che fare con la serietà e l’affidabilità: ecco perché il Codacons ha stilato una lista di suggerimenti utili per proteggersi dalle truffe online in questo mondo.

Nel caso in cui si riceva un messaggio di posta elettronica che include un link su cui viene chiesto di cliccare è indispensabile adottare la massima cautela, poiché il rischio è quello di trovarsi in presenza di un messaggio di phishing.

Questa particolare truffa si pone lo scopo di sottrarre i dati personali degli utenti, in modo particolare i codici di accesso e i numeri di conto dei conti in banca. Una certa attenzione è richiesta anche per le mail che giungono da Paesi stranieri e che magari richiedono di trasmettere dei dati personali o addirittura di inviare del denaro. Infine, è meglio drizzare le antenne qualora si sia destinatari di messaggi che richiedono codici fiscali, coordinate bancarie o data di nascita.

Nel nostro Paese purtroppo sono molto comuni quelli che sono stati definiti annunci esca. Si tratta, in pratica, di annunci che in teoria riguardano posti di lavoro di un certo interesse: arrivati al colloquio, però, si scopre che la proposta è molto diversa, e in genere bisogna diventare venditori porta a porta, per esempio per proporre servizi per l’energia elettrica o contratti telefonici.

Insomma, nessuno stipendio fisso e nessun lavoro affidabile: e già a giudicare dal modo truffaldino con il quale la mansione viene offerta sono legittimi dubbi a proposito della serietà di chi la propone.

Tante persone desiderano trovare un modo per lavorare da casa, al di là dello smart working che si è reso necessario a causa della pandemia da Covid.

A volte i truffatori fanno leva proprio su questo aspetto, proponendo dei kit da comprare per lavorare. Come funziona? In realtà in modo molto semplice: il datore di lavoro chiede al candidato una sorta di cauzione grazie a cui potrà ricevere a domicilio, attraverso una spedizione con corriere, il materiale di cui avrà bisogno per cominciare a lavorare.

Il candidato si lascia convincere perché gli viene spiegato che, se non si adottasse questo accorgimento, le persone riceverebbero il materiale a casa e poi non lo restituirebbero. Invece alla fine non c’è alcun lavoro da svolgere, e ci si ritrova con meno soldi di prima in tasca.

Ci sono offerte di lavoro il cui solo obiettivo consiste nel raggiungere il codice fiscale e i documenti delle persone coinvolte.

Quello che viene messo in atto in casi del genere è un vero e proprio furto di identità, che ovviamente può essere prevenuto evitando di inviare documenti a soggetti di cui non si riconosce l’affidabilità.

Quel che è certo, poi, è che non si dovrebbe mai interagire con aziende poco trasparenti, magari anonime. Anche i lavori non pagati sono frequenti: spesso gli imprenditori chiedono un periodo di prova gratuita, concluso il quale giunge l’assunzione. Ma non c’è alcuna legge che definisca e regolamenti una situazione di questo tipo.

Anche il multilevel marketing è una realtà molto insidiosa, fermo restando che non è detto che si tratti sempre di un’attività illecita.

Non ci sono segnali di illegalità, infatti, quando il fulcro del business è rappresentato da servizi e prodotti, con la vendita che costituisce il fine del sistema piramidale. Il carattere illegale si manifesta nel momento in cui alle persone che vengono introdotte nel circuito viene richiesto il pagamento di una quota di ingresso.

25 Settembre 2020 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Bonus mobilità - Per farsi rimborsare la bici basterà lo scontrino (occhio alle truffe)
Vorrei approfittare del bonus mobilità per acquistare una bella bicicletta e farmi restituire parte del contributo versato: vorrei sapere come evitare le truffe e soprattutto le modalità di rimborso. Potete aiutarmi? ...

Vacanza prenotata online - Come risparmiare evitando le truffe?
Dopo tanti anni la mia amata agenzia di viaggio, con cui ho prenotato diverse villeggiature, ha chiuso, dunque, dal prossimo anno ho due opzioni: sceglierne un'altra o prenotare da sola le vacanze online (anche se ho ancora paura delle truffe). Molti miei colleghi fanno tutto sul web e mi hanno detto che si risparmia molto. Insomma, che consigli potete darmi su come prenotare le ferie su internet? ...

Truffe online: phishing e similiari? - I consigli della Polizia Postale
Sia io che amici e familiari siamo spesso incappati in truffe online, tipo phishing ad esempio: alcune volte sono facili da riconoscere e altre meno, rendendo la navigazione poco sicura. C'è un vademecum o una sorta di consigli ferrei da seguire? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cerchi lavoro online? – Occhio alle truffe