La cartella esattoriale che non sia stata preceduta da un motivato avviso di accertamento deve essere motivata in modo congruo, sufficiente ed intellegibile

Argomenti correlati:

Ho ricevuto diverse cartelle esattoriali di cui sinceramente per trasloco e dimenticanza non ho avuto modo di pagare. Le cartelle esattoriali si riferiscono a IRPEF non pagata dal mio datore di lavoro nel 2008, multe e un bollo auto.

Ieri navigando su internet ho trovato questa nuova news letters:
Sono da considerarsi nulle le cartelle di pagamento nelle quali non sia indicato il criterio di calcolo degli interessi. In questa ipotesi, il debito notificato dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione può essere annullato.

Contenuto della cartella
Nella cartella devono essere quindi essere riportati:
• l’imposta;
• le sanzioni;
• gli interessi.

Se nella cartella viene indicata solo la cifra, senza indicazione di quale sia la data a partire dalla quale è stato eseguito il conteggio e quali tassi siano stati applicati, la cartella di pagamento è nulla, secondo il recente orientamento della giurisprudenza.
Modalità di calcolo degli interessi

Interessi ridotti per le cartelle esattoriali
Per la Corte di Cassazione Cassazione (sent. n. 8934/2014; n. 15554/2017; n. 24933/2016) nella cartella devono essere obbligatoriamente riportate:
• le analitiche modalità per il calcolo degli interessi;
• gli interessi calcolati congruamente motivati sia per quanto riguarda le modalità di calcolo, sia per la provenienza e la percentuale degli interessi applicati. Tale obbligo deriva dai principi di carattere generale indicati dalla legge sul procedimento amministrativo (Art. 3 della legge n. 241/1990) e dallo statuto del contribuente (Art. 7 L. n. 212/2000);
• l’indicazione della data di consegna del ruolo.
In caso di mancata indicazione delle modalità di calcolo degli interessi, dell’indicazione del capitale e del tasso di interesse applicato, la cartella può essere legittimamente impugnata, perché il contribuente deve essere messo nelle condizioni di comprenderne il contenuto, le motivazioni, le causali e le voci riportate nella cartella di pagamento.

Nelle cartelle di pagamento che ho ricevuto risultano solo tali voci: Imposta,totale sanzioni e totale interessi.

In base all’articolo che ho trovato non sono regolari visto che non esiste indicazione delle modalità di calcolo degli interessi, dell’indicazione del capitale e del tasso di interesse applicato,a riguardo al calcolo degli interessi.

Le sentenze citate si riferiscono ai casi in cui le cartelle esattoriali non erano state anticipate da motivati avvisi di accertamento.

Ora, pure ammesso che le cartelle esattoriali a lei notificate non fossero state anticipate da motivati avvisi di accertamento, esse avrebbero dovuto essere impugnate entro 60 giorni dalla data di notifica.

2 Agosto 2018 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La cartella esattoriale non preceduta da avviso di accertamento deve essere congruamente motivata
L'iscrizione a ruolo non costituisce un semplice atto di riscossione, bensì un accertamento del debito d'imposta quando non sia preceduta da un autonomo avviso di accertamento, sicché la cartella esattoriale deve contenere anche una sufficiente motivazione circa la ragione dei recuperi. Non è sufficiente riportare in cartella che la ragione dell'iscrizione a ruolo consiste nel “recupero del credito di imposta ex lege 289/2002 articolo62″ dal momento che tale recupero può emergere sia dalla erronea contabilizzazione di crediti effettivamente spettanti sia dall'esclusione dei presupposti per il riconoscimento della spettanza. La cartella esattoriale, che non sia stata preceduta da un avviso di ...

Difetto di motivazione nella cartella esattoriale originata da crediti di natura tributaria e non preceduta da un avviso di accertamento
In tema di riscossione coattiva mediante iscrizione a ruolo di entrate di natura non tributaria, qualora il debitore abbia impugnato la cartella esattoriale, emessa dall'Agente della riscossione, per motivi che attengono a vizi della cartella medesima, compreso il vizio di motivazione, l'impugnazione deve essere rivolta nei confronti dell'Agente della riscossione, il quale ove assuma che il vizio sia imputabile all'ente impositore può estendere il giudizio a quest’ultimo. La cartella esattoriale che non segua uno specifico atto impositivo già notificato al contribuente, ma costituisca il primo ed unico atto con il quale l'ente impositore esercita la pretesa tributaria, deve essere motivata ...

Imposta di registro - l'accertamento in rettifica del valore dichiarato di un immobile deve essere adeguatamente motivato
In tema di imposta di registro è nullo l'avviso di accertamento, in rettifica del valore dell'immobile dichiarato dal contribuente, che non rende esplicito e manifesto l'iter logico giuridico seguito nella valutazione dei dati di fatto che l'ufficio assume di aver raccolto; ma che non sono stati indicati in quanto ciò non consente al contribuente di avere l'esatta cognizione dei presupposti di fatto dell'accertamento, così da poterlo verificare ed eventualmente contestare. In sostanza, l'avviso di accertamento deve contenere sia l'indicazione dei dati di fatto necessari alla determinazione del valore dell'immobile, sia l'esplicitazione dell'iter logico seguito in vista della sua rettifica. Questo ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic La cartella esattoriale che non sia stata preceduta da un motivato avviso di accertamento deve essere motivata in modo congruo, sufficiente ed intellegibile