Imprenditrice con ditta individuale e cartelle esattoriali in sospeso che non può pagare – Cosa fare per limitare il danno

Sono una imprenditrice con tre figlie, adesso maggiorenni, gestisco un hotel da sola, da circa 7 anni riesco solo a pagare le spese, di consumo lasciando così indietro alcune tasse.

Adesso devo sanare circa 100 mila euro di cartelle, ma non sono in grado di far fronte, non c’è lavoro. Sono disperata, tanto.

Per il passato, purtroppo, c’è poco da fare: i debiti contributivi ed erariali accumulati resteranno a suo carico per sempre, se non riesce a pagarli. Quello che può fare per limitare il danno è istruire le sue tre figlie ad esercitare immediatamente il diritto di rinuncia all’eredità in caso di scomparsa, di qui a cent’anni, della madre imprenditrice.

Anche sotto questa prospettiva, ma soprattutto per evitare espropriazioni immobiliari e mobiliari in vita, le conviene liberarsi di tutto ciò che eventualmente possiede, alienando o donando gli immobili e sperando che nel corso dei successivi cinque anni, il creditore esattoriale non proceda con azione revocatoria ordinaria dell’atto di disposizione patrimoniale della debitrice.

Per diminuire la possibilità di successo dell’azione revocatoria promossa dal creditore, le linee guida consigliano di vendere ad un estraneo, con passaggio del corrispettivo tracciabile (prima di utilizzarlo integralmente, ovviamente, una volta trasferito sul conto corrente della venditrice debitrice), ad un prezzo di mercato (possibilmente senza sconti) e ad un soggetto che non sia un professionista del commercio immobiliare, ma un acquirente intenzionato ad abitare nella casa acquistata.

Insomma, sono da escludere donazioni e compravendite endo familiari o ad agenzie immobiliari a prezzi stracciati: questi atti di compravendita si revocano con la massima facilità, facendo ritornare la debitrice nella situazione di partenza antecedente la sottoscrizione dell’atto.

Lo stesso discorso vale per la casa eventualmente di proprietà in cui lei vive con le tre figlie: è pur vero che la casa di abitazione della debitrice è impignorabile per debiti esattoriali, ma è anche vero che sull’immobile l’Agenzia delle Entrate Riscossione può iscrivere ipoteca, che la casa cade comunque in successione, che con l’ipoteca sarà possibile alienarla, in futuro (anche da parte di un erede accettante che nella casa andasse a risiedere) solo al netto del debito esattoriale accumulato e che le tre figlie dovranno, per quanto detto, rinunciare all’eredità.

I conti correnti della debitrice andranno chiusi: è chiaro che ciò comporterebbe problemi per l’attività, ma di questo aspetto discuteremo più avanti.

Dunque, dicevamo, la debitrice non deve essere intestataria di conti correnti. Invece, potrà, ad esempio acquisire delega ad operare e disporre su un qualsiasi conto corrente intestato ad una delle figlie (o ad un parente se le figlie sono ancora tutte minorenni). Ciò è chiaro non risolve ancora il problema imprenditoriale.

Per continuare a condurre l’attività imprenditoriale, è necessario costituire, per il futuro, una società a responsabilità limitata, anche unipersonale o semplificata. Ci saranno dei costi per la costituzione e per la tenuta delle scritture contabili da parte del commercialista, ovvio. Ma questi effetti indesiderati sono ampiamente compensati dalla tranquillità della separazione delle obbligazioni aziendali da quelle del socio o dei soci.

In altre parole, il socio, o i soci, della srl andranno avanti pagando il dovuto in tasse e contributi se ci saranno lavoro ed entrate sufficienti, oltre ai proventi necessari alla sopravvivenza. Alla fine, fra qualche anno, qualora l’attività continuasse a non generare utili, con la liquidazione della srl i soci sarebbero obbligati, a fronte di debiti contributivi ed erariali accumulati eventualmente dalla srl (ma anche per quel che attiene i debiti contratti dalla srl con i fornitori), a rifondere solo il corrispettivo eventualmente ottenuto in fase di liquidazione. E, come lei ben sa, per esperienza diretta, non si tratta di poco.

Tornando al conto corrente, la srl avrà un proprio conto corrente diverso dai conti correnti personali di ciascun socio e separato da essi. Un creditore della srl non potrà aggredire il conto corrente del socio della srl.

12 Gennaio 2020 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Come funziona l'esdebitazione fallimentare di una ditta individuale - Dopo il fallimento posso aprire una nuova ditta?
Dopo la chiusura del fallimento della mia ditta individuale sono riuscito ad ottenere l'esdebitazione: se ad oggi mi arriva un bollo da pagare riferito ad un mezzo della ditta fallita lo devo pagare? Ho uno scoperto di c/c lo devo sanare? Quali sono le cose che posso fare e non fare se dovessi riaprire una ditta? ...

Con la nuova legge si possono pagare cartelle di Equitalia in contanti?
Voglio aiutare il mio compagno a pagare i suoi debiti: importo debito circa 15 mila euro con cartelle esattoriale, alcune già scadute. Conviene fare un conto corrente a firme congiunte e versare del denaro con causale grazioso prestito? Io risulto dipendente precaria, lui libero professionista. Le cartelle superano 1500 euro, si possono pagare in contanti? Posso pagare con un assegno mio o far partire il bonifico dal mio conto corrente? ...

Impossibilità a saldare cartelle Equitalia - Cosa fare e come muovermi
Ho concretamente bisogno di aiuto: ho 45 anni e sono un agente immobiliare titolare di una agenzia immobiliare in provincia di Torino. In questi anni ho accumulato cartelle esattoriali per un complessivo importo di euro 65000. Il creditore è l'agenzia delle entrate per la quasi totalità dei debiti. Ho provato più volte a rateizzare ma non sono riuscito nell'intento. Ho chiamato Equitalia al chè non mi ha dato risposte al problema se non quello di versare qualcosa al mese, ciò che posso, per fare vedere la mia buona volontà. Ho questa spada di Damocle che mi perseguita: non posso accedere ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Imprenditrice con ditta individuale e cartelle esattoriali in sospeso che non può pagare – Cosa fare per limitare il danno