Cartelle esattoriali e condono

In base alle ultime direttive governative, le cartelle esattoriali fino al 2010, di importo non superiore a 5 mila euro, saranno condonate a chi ha un reddito IRPEF minore di 30 mila euro.
Ma la data è da considerare quella del verbale (indicata nella cartella) o dalla ultima notifica che appare sulla cartella esattoriale sotto la voce “Data notifica”?
Ad esempio se ho 4 cartelle esattoriali di importo minore di 5.000,00 ed ho un reddito IRPEF di 25.000,00:
Multa del 2009 ultima notifica 2017
Multa del 2012 ultima notifica 2015
Tari del 2009 ultima notifica 2017
Tari del 2012 ultima notifica 2015
Saranno o sono già prescritte?

Lascerei da parte il tema della prescrizione di una cartella esattoriale, questione molto articolata e complessa per discettare sulla quale occorrono molte più informazioni di quelle referenziate nel quesito.

Per decidere se la cartella esattoriale di importo complessivo (comprendente cioè sanzioni, interessi di ritardato pagamento, spese di esazione e di notifica) non superiore a 5 mila euro, a carico di soggetto con reddito lordo percepito non superiore a 30 mila euro sia annullabile, bisogna guardare alla data in cui l’ente creditore affida la riscossione del credito a Agenzia delle Entrate Riscossione. Si tratta di una data che viene riportata nel documento esattoriale e che è sicuramente precedente alla sua prima notifica.

Tale data deve essere compresa fra il primo gennaio 2000 ed il 31 dicembre 2010. Ad ogni buon conto, l’annullamento è automatico: l’Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER ex Equitalia) conosce la data di affidamento e, incrociando i dati con l’Anagrafe Patrimoniale gestita da Agenzia delle Entrate è anche in grado di conoscere il reddito lordo percepito nel 2019 dal debitore.

Per conoscere la proprie esposizione debitoria esattoriale dopo l’operazione di annullamento, basterà consultare l’area riservata a ciascun debitore disponibile sul sito web di ADER.

28 Marzo 2021 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Potrò accedere alla recente sanatoria prevista per le cartelle esattoriali?
Ho ricevuto la notifica di una cartella il 24 ottobre 2016 per una errata detrazione di imposta di registro inserita nella dichiarazione redditi 2012. Volevo sapere se secondo voi la sanatoria in discussione si applica o vale per le alle cartelle notificate entro 31 dicembre 2015. Mi sembra che sia rilevante la data in cui si è commesso il fatto è non la data di notifica. Ho capito male? ...

Nessun condono per le cartelle esattoriali
Ho fatto ricorso contro alcune cartelle esattoriali di importo rilevante per omesso versamento di tributi. Il ricorso è ancora pendente presso la Commissione Tributaria Provinciale di Firenze. Nelle ultime settimane ho spesso sentito parlare di una recente normativa sulla definizione delle liti pendenti (cd “condono”) per i ricorsi relativi a ruoli e cartelle esattoriali. Anche per omesso versamento di tributi, come nel mio caso. Posso rientrare anche io in questo condono? ...

Come funziona il condono d'ufficio delle cartelle esattoriali con somma a ruolo inferiore a 300 euro?
Con l'introduzione della Legge di stabilità 2015 veniva fatto una sorta di condono delle cartelle con somme iscritte a ruolo inferiori a 300 euro. La mia domanda è questa: ora, con la nuova legge di stabilità 2017 vengono riconsiderate anche queste somme? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cartelle esattoriali e condono