Cartella Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER ex Equitalia) Notificata per compiuta giacenza dopo affissione all’Albo Pretorio


Se si ritiene mendace il contenuto della relata redatta dall'Agente notificatore, bisogna procedere con querela di falso e ricorso alla CTP competente





Ho contestato, chiedendone l’annullamento degli interessi e delle sanzioni una cartella dell’Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER, ex Equitalia) in quanto mai ricevuta, ricevo risposta scritta da parte dell’agenzia delle entrate che mi comunica il non accoglimento della mia richiesta in quanto la cartella è stata notificata mediante affissione all’albo pretorio del comune di Perugia stante l’irreperibilità assoluta al domicilio di residenza.

Io ho residenza da 10 anni a quell’indirizzo, la mia dovrebbe essere una irreperebilità relativa e avrebbero dovuto lasciare l’avviso di deposito sulla porta o nella cassetta delle lettera.

E’ possibile fare qualcosa?

Nel quesito non si specifica se la cartella esattoriale è stata contestata in sede amministrativa (ricorso in autotutela) o in sede giudiziale con ricorso in Commissione Tributaria Provinciale (CTP).

Qualora lo scenario fosse il primo dei due appena indicati e riuscisse a dimostrare che non le è stata lasciata alcuna traccia con avviso di deposito sulla porta o nella cassetta delle lettera del tentativo di notifica della cartella esattoriale contestata per temporanea irreperibilità del destinatario (temo si tratti, tuttavia, di una “probatio diabolica”, ovvero di una tesi quasi impossibile da dimostrare), e se vi fossero ancora i termini (60 giorni dalla notifica), potrebbe affidarsi ad un professionista per portare il contenzioso innanzi alla Commissione Tributaria Provinciale di competenza per luogo di residenza del destinatario, querelando contemporaneamente in Tribunale per falso il messo comunale, il postino, l’ufficiale giudiziario o l’ufficiale della riscossione che ha redatto la relata di avvenuta notifica adducendo la temporanea irreperibilità del destinatario (a meno che l’Agente notificatore non abbia esplicitamente ed improvvidamente dichiarato, nella relata, l’irreperibilità assoluta del destinatario, cosa che potrebbe essere semplicemente confutata con un certificato di residenza storico).

La prossima volta allora, prima di contestare una cartella esattoriale converrà perdere un po’ di tempo per accedere agli atti presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate Riscossione competente per territorio chiedendo l’esibizione in copia della relata di notifica della cartella esattoriale oggetto di contestazione.

In questo modo, avuto notizia di una corretta notifica perfezionata dal mittente per compiuta giacenza presso l’ufficio postale o l’ufficio comunale preposto alla pubblicazione degli atti nell’Albo, potrà decidere, da subito, se soprassedere oppure procedere in Tribunale per querela di falso nei confronti dell’agente notificatore e, contemporaneamente, con ricorso in CTP.

18 Marzo 2023 · Paolo Rastelli


Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!




Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse » Cartella Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER ex Equitalia) Notificata per compiuta giacenza dopo affissione all’Albo Pretorio. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.