Caro bollette – Quanto si risparmia con il cappotto termico?

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!



Si parla molto di cappotto termico, un’installazione, presso appartamenti privati, ville o condomini, che consentirebbe di ridurre molto i consumi e quindi evitare pesanti bollette energetiche a fine mese.

In sostanza, quanto si risparmia?

C’è un sistema infallibile per tagliare i costi di gas e luce: non consumare: il governo, infatti, sta per lanciare una grande campagna per insegnare agli italiani a risparmiare energia, attraverso piccole abitudini quotidiane, come accorciare la doccia, cuocere a fuoco spento, spegnere lo stanby della tv.

Ma c’è un altro sistema, molto più efficace, per non consumare gas ed elettricità: fare il cappotto termico alla propria casa.

Può tagliare di un terzo il consumo di energia di una villetta, e quasi dimezzare quello di un condominio di otto piani.
La variazione dipende dal luogo dove si vive: più fa freddo, più si risparmia.

E sono cifre importanti, non solo per le singole famiglie, ma anche per l’intero paese.

Gli edifici sono responsabili del 40% dei consumi di energia, e del 36% delle emissioni di CO2 in Europa.

La situazione del patrimonio edilizio italiano è molto preoccupante dal punto di vista dei consumi energetici e dell’impatto ambientale.

La costruzione della maggior parte degli edifici (78% circa) risale all’epoca in cui non venivano adottate vere misure di risparmio energetico, ossia prima della Legge 373 del 1976.

In Italia ci sono circa un milione di condomini, per la maggior parte costruiti prima degli anni ’80, e quindi altamente energivori.

Circa il 53% dei 22,5 milioni di abitazioni non è mai stato oggetto di interventi di manutenzione.

Sono circa 11,5 milioni di case in classi energetiche basse, con consumi ed inquinamento elevati.

Il costo di un cappotto termico esterno varia a seconda dei materiali utilizzati.

Consultando vari siti internet, si può fare una stima grossolana su 80-100 euro al metro quadro.

Ed è un intervento che può usufruire del Superbonus al 110%.

Quest’ultimo non si applica al cappotto interno a un singolo appartamento, che però può godere dei bonus al 50 o 65% per riqualificazione energetica.

Per le spese ammissibili, si va dai 50.000 euro per gli edifici unifamiliari, ai 40.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per condomini con massimo 8 unità abitative, ai 30.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per immobili con più di 8 abitazioni.

Gli enti e istituzioni che si occupano di energia si sono in buona parte concentrati nel suggerire agli italiani comportamenti virtuosi nel quotidiano.

Ciò che manca completamente è il richiamo alla volontà di sviluppare un piano energetico nazionale volto a risolvere il problema della dipendenza energetica, unitamente a una solida strategia di riduzione dei consumi energetici che, in ambito edilizio, passa in primo luogo dall’efficientamento energetico.

Qualsiasi sia la fonte di approvvigionamento, per conseguire un risparmio reale è necessario prima ridurre gli sprechi.

23 Settembre 2022 · Giovanni Napoletano



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Caro bollette – Quanto si risparmia con il cappotto termico?





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!