Caro benzina: aumenti record – Quanto costa un pieno oggi?


Siamo arrivati ormai ad una cifra scandalosa per il prezzo della benzina al litro, ormai quasi vicina ai due euro: non si può più andare avanti così, insieme agli altri rincari non si campa più.

Quanto costa un pieno al giorno d’oggi?

Arrivano cattive notizie dalla rilevazione settimanale del ministero della Transizione ecologica sul prezzo dei carburanti: il costo di benzina e diesel aumenta e tocca livelli record che non si registravano dal settembre del 2013.

Non solo il caro bollette, quindi, ma ora per gli italiani arriva anche l’aumento dei costi dei carburanti.

Il prezzo medio della benzina in Italia è aumentato di 2,43 centesimi nell’ultima settimana per la modalità self: si passa da 1,754 euro a 1,778 euro. È il prezzo massimo toccato dal settembre del 2013.

Cresce anche il costo del gasolio con un aumento di 2,69 centesimi rispetto alla settimana precedente: da 1,620 a 1,647 euro. Stabile, invece, il Gpl che passa da 0,817 a 0,816 euro, registrando quindi una lieve flessione.

Caro-benzina, quanto aumentano i costi per i cittadini
Secondo l’Unione nazionale consumatori per i contribuenti l’aumento dei costi dei carburanti si tradurrà in una stangata da 363 euro per la benzina e da 361 per il gasolio. Da inizio anno, ricordano, il costo di un litro di benzina è aumentato di 5,90 centesimi, circa 2,95 euro per un pieno.

Per il gasolio la crescita è stata di 6,18 centesimi, ovvero 3,9 euro per ogni rifornimento.

In quattro settimane i prezzi hanno recuperato con gli interessi quanto perso in un mese e mezzo, da novembre a fine anno.

L’aumento dei prezzi della benzina non incide soltanto sul consumatore finale dei carburanti ma anche sul costo dei prodotti al dettaglio: in Italia, infatti, circa l’85% delle merci viaggia su gomma e le ripercussioni sono inevitabili.

Coldiretti spiega che l’aumento del prezzo dei carburanti rischia anche di avere un altro effetto, ovvero aggravare il “gap competitivo dell’Italia che deve affrontare i costi per il trasporto merci superiori dell’11% rispetto alla media europea per un valore di 13 miliardi all’anno. Il tutto con un effetto valanga ancora più evidente sul carrello della spesa”.

A livello di consumatori, quindi, questo può voler dire un aumento dei costi della logistica che si traduce in una crescita fino al 35% sui costi per frutta e verdura. Anche Assoutenti parla di un’emergenza e di possibili ripercussioni sull’inflazione e per questo chiede al governo d’intervenire al più presto.

Secondo Assoutenti l’intervento dell’esecutivo per contenere il caro-bollette è stato deludente e serve un’azione più incisiva ed efficace sui carburanti, magari sterilizzando l’Iva o riducendo le accise, voci che insieme rappresentano circa il 60% del prezzo di ogni litro di benzina.

Anche perché – ricordano ancora – a livello industriale il costo della benzina in Italia è inferiore rispetto alla media europea, così come avviene anche per il gasolio.

27 Gennaio 2022 · Gennaro Andele



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Caro benzina: aumenti record – Quanto costa un pieno oggi?