Canone RAI in bolletta - Attenzione ai giochetti a perdere

Da quello che ho capito la presunzione per il pagamento del canone RAI in bolletta elettrica opera solo se si è residenti anagraficamente e l'utenza luce è di tipo residenziale.

Supponiamo che i coniugi A e B abbiano due case, una a milano e una roma. A è residente a Milano con utenza intestata a suo nome. B è residente a Roma con utenza a suo nome. Dal sito dell'agenzia delle entrate si evince che dovrebbero pagare due canoni RAI perché sono considerate due famiglie anagrafiche.

Ebbene, se A facesse una voltura del contratto di elettricità a B (che non è residente a Milano) e viceversa B facesse una voltura del contratto di elettricità ad A (che non è residente a Roma), la presunzione non opererebbe più?

Sostanzialmente avremmo una bolletta intestata ad un non residente. Si può fare?

Se, come ipotizzato, A facesse una voltura del contratto di elettricità a B (che non è residente a Milano) e viceversa B facesse una voltura del contratto di elettricità ad A (che non è residente a Roma), A e B si troverebbero intestatari di due contratti di fornitura di energia elettrica per uso non residente.

Certamente A e B non sarebbero soggetti al pagamento del canone, ma subirebbero gli aggravi (costo del kWh e tasse) per l'applicazione della tariffa D3, rivolta al cliente non residente (si parla normalmente di seconde case).

Non credo si tratti di un buon affare.

16 maggio 2016 · Ludmilla Karadzic

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

canone rai in bolletta

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca