Cancellazione riferimento ad evento pregiudizievole (assegno protestato quattro anni fa) ancora censito in Experian ed in RIP

Nel 2016 un assegno di 450 euro è stato portato all'incasso, malgrado avessi chiesto un ulteriore settimana di tempo per avere la certa copertura: non è andata bene la cosa per cui si è avviata una procedura in cui non mi sono mai trovato prima di allora.

Il creditore è stato subito saldato con tanto di interessi e firma apposta innanzi ad ufficiale di anagrafe del comune. Pensavo finisse lì: ed invece successivamente sono stato convocato in Prefettura per la risultanza di assegno protestato.

Fortunatamente avevo conservato sia l'assegno, sia la liberatoria ed ho provato in Prefettura che la cosa era già stata risolta entro un mese dalla scadenza riportata sull'assegno.

Pensavo fosse davvero finita lì: invece ad oggi, provato a fare visura in Experian, risulta ancora questo benedetto assegno! Premetto che nel corso degli anni ho comunque continuato ad emettere assegni (tutti regolarmente andati a buon fine). Vorrei sapere se l'errore è imputabile esclusivamente a me o se c'è stato abuso da parte di banche e burocrazia malata.

Purtroppo, non si tratta di un errore, nè di un abuso: Experian riporta semplicemente dati pubblici tratti dal Registro Informatico dei Protesti in cui lei risulta sicuramente censito, e in cui resterà fino al compimento di cinque anni dalla data di levata del protesto dell'assegno.

Ora, Experian svolge, in particolare, un servizio di informativa commerciale inerente l'affidabilità di operatori professionisti del settore, utilizzando dati provenienti dai tribunali e dal Registro Informatico dei Protesti (RIP) gestito dalle Camere di commercio.

La normativa vigente consente ad Exeperian di mantenere le informazioni commerciali acquisite visibili per un decennio dalla data in cui l'evento (nella fattispecie, la levata del protesto) si è verificato.

In pratica, lei potrebbe anche attendere che la cancellazione del protesto dal RIP intervenga nel 2021. Tuttavia il dato negativo censito in Experian verrebbe mantenuto fino al 2026.

Per risolvere ha una sola via d'uscita: ottenere la riabilitazione giudiziale dal protesto dell'assegno.

L'articolo 17 della legge 108/1996, infatti, prevede che il debitore protestato che abbia adempiuto all'obbligazione per la quale il protesto è stato levato e non abbia subito ulteriore protesto ha diritto ad ottenere, trascorso un anno dal protesto, la riabilitazione.

La riabilitazione è accordata con decreto del presidente del Tribunale, territorialmente competente, su istanza dell'interessato corredata dai documenti giustificativi (liberatoria del beneficiario dell'assegno).

Per effetto della riabilitazione il protesto si considera, a tutti gli effetti, come mai avvenuto. Il debitore protestato e riabilitato ha diritto di ottenere la cancellazione definitiva dei dati relativi al protesto anche dal registro informatico dei protesti.

Con la riabilitazione potrà ottenere la cancellazione dei dati negativi censiti in RIP ed Experian.

14 febbraio 2020 · Ornella De Bellis

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

protesto assegno
protesto e iscrizione in RIP (Registro Informatico dei Protesti)

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca