Booking.com: poca trasparenza negli annunci – Interviene la Commissione UE

Prenoto spesso i miei soggiorni di viaggio su piattaforme online, tipo Booking: ultimamente, però, ho notato che gli annunci sono sempre meno trasparenti.

Lo avete notato anche voi?

La Commissione europea in collaborazione con le autorità nazionali preposte per la tutela del consumatore a seguito di un’indagine ha imposto a Booking, il noto portale di prenotazioni online, una maggiore trasparenza negli annunci.

È stato infatti stabilito che alcuni avvisi, ad esempio: “Ultima stanza disponibile!”, “Approfitta ora del prezzo scontatissimo!” “Prenota subito, è l’ultima camera rimasta”, che appaiono sul portale al momento della prenotazione sono da intendersi come ingannevoli poiché spesso non corrispondono alla reale disponibilità degli hotel al di là delle offerte del portale.

Dal 16 giugno 2020, come riferisce il Centro Europeo Consumatori Italia, Booking.com dovrà:

  • rendere esplicito per i consumatori che dichiarazioni come “ultima camera disponibile” si riferiscono esclusivamente alle offerte presenti sulla piattaforma e non alla struttura del suo complesso;
  • non presentare un’offerta come limitata nel tempo se sarà disponibile successivamente al medesimo prezzo;
  • chiarire i criteri in base ai quali i risultati delle ricerche vengono visualizzati e se i pagamenti effettuati dall’erogatore del servizio ricettivo a Booking.com hanno influenzato la posizione dello stesso nell’elenco dei risultati:
  • specificare quando un confronto fra le tariffe si basa su circostanze differenti (ad esempio le date del soggiorno) e non presentare tale confronto come sconto;
  • garantire che le differenze di prezzo pubblicizzate come sconti rappresentino dei risparmi effettivi (ad esempio fornendo come riferimento la tariffa standard)
  • presentare in modo chiaro il prezzo totale che il consumatore dovrà pagare (compresi oneri, tasse, tasse inevitabili che possono ragionevolmente essere calcolate in anticipo);
  • mostrare le strutture non più disponibili, nei risultati della ricerca, in una posizione adeguata ai criteri utilizzati;
  • indicare chiaramente se l’alloggio è offerto da un host privato o da un professionista.

Si tratta, insomma, di rendere esplicite – e non ingannevoli – per il consumatore alcune informazioni essenziali che possono di fatto influenzare il suo comportamento e la sua scelta di un alloggio rispetto ad un altro.

Didier Reynders, Commissario per la Giustizia, ha evidenziato quanto sia importante per grandi realtà leader del proprio settore avere un comportamento chiaro e rispettare regole uniformate in tutta l’Unione Europea.

27 Gennaio 2020 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

L'espediente dell'ultima stanza rimasta su Booking.com - Si tratta di pratica commerciale scorretta?
Molte volte che mi sono trovato ad utilizzare la piattaforma booking per prenotare un soggiorno, venivo inondato di messaggi che mi sollecitavano a sbrigarmi poiché la stanza che mi stavo accingendo a prenotare sarebbe stata l'ultima rimasta. So che questo atteggiamento del portale è stato dichiarato pratica commerciale scorretta. E' vero? ...

Agcm sospende una società per falsi annunci di lavoro » Sanzioni e consigli utili
L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha sospeso ha sospeso temporaneamente le attività della società Dodotour srl - Evolution Travel per annunci di lavoro ingannevoli. La compagnia era già stata avvertita nel lontano 2007. La società Dodotour srl - Evolution Travel ha continuato a diffondere i propri messaggi ingannevoli per i consumatori e l'Agcm, di fronte al ripetersi di tali comportamenti, si è vista costretta ad intervenire nuovamente sospendendone temporaneamente l'attività. La società Evolution Travel pubblicava sul proprio sito, e su siti di offerte di lavoro messaggi, in cui prometteva un lavoro online da casa, anche part-time, nel ...

Benzina: in autostrada sovrapprezzi imbarazzanti - E' lecita questa pratica?
Viaggio spesso per lavoro e ho notato che molte volte il prezzo della benzina in autostrada arriva a superare di gran lunga quello nei distributori di carburante dei centri urbani. Sono così costretto a spendere molto di più a fine mese. Vorrei sapere se vi risulta e soprattutto se questa pratica è lecita. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Booking.com: poca trasparenza negli annunci – Interviene la Commissione UE