Bollo auto e multe – Come funziona la nuova sanatoria per chi non ha pagato?


Vorrei sapere se nel decreto Sostegni bis è confermato lo stralcio delle cartelle esattoriali tra il 2000 e il 2010, compresi i bolli auto non pagati.

Inoltre, vorrei sapere cosa succede con la proroga dello stato d’emergenza a fogli rosa, patenti di guida e revisioni in scadenza?

Ora che il Ministero dell’Economia e delle Finanza ha emanato il decreto attuativo, per due milioni e mezzo di italiani c’è la possibilità di sanare i debiti fino a 5 mila euro (cifra comprensiva di interessi e sanzioni), contratti con lo Stato per il decennio dal 2000 al 2010.

Tra questi ovviamente ci sono i bolli auto non pagati.

È l’effetto del decreto Sostegni bis che riguarda circa 16 milioni di cartelle ed è riservato – è bene sottolinearlo – alle persone fisiche e alle imprese che abbiano dichiarato nel 2020 un reddito del 2019 fino a 30 mila euro complessivi lordi annui.

L’iter burocratico da parte del Mef dovrebbe partire a breve perché entro il 20 agosto l’Agenzia delle Entrate-Riscossione dovrebbe comunicare all’Agenzia delle Entrate tutti i codici fiscali di quanti alla data del 23 marzo 2021 risultavano tra gli aventi diritto allo stralcio della cartella. A quel punto – secondo quanto previsto dal decreto attuativo – l’agenzia dovrebbe provvedere allo stralcio delle cartelle dal 30 settembre al 31 ottobre 2021. Il processo è svolto direttamente dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione, quindi non è necessaria alcuna richiesta da parte del contribuente.

Altro aspetto importante: il condono 2021 fa riferimento alle cartelle affidate agli agenti della riscossione (prima era Equitalia, oggi l’Agenzia delle Entrate-Riscossione) tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2010. Ossia si tiene conto non dell’anno in cui multe, bolli e altre imposte risultano non versate, ma dell’anno in cui è avvenuta l’iscrizione nella cartella esattoriale.

Rientrano nella tipologia anche le cartelle per le quali si è eventualmente aderito alla rottamazione-ter e al saldo e stralcio. Sono invece escluse le somme dovute per il recupero di aiuti di Stato, i crediti derivanti da pronunce di condanna della Corte dei Conti e, fondamentale per chi guida, le multe o sanzioni derivanti da sentenze penali di condanna.

Esempio classico: chi ha ricevuto (e non ha mai pagato) una multa per guida in stato di ebbrezza con tasso alcolemico superiore a 0,8 g/l, che prevede anche l’arresto, con condanna già passata in giudicato, non beneficia di alcun condono.

I soggetti interessati potranno verificare la propria posizione accedendo all’area personale sul sito dell’AdE: tramite Spid, Carta d’identità elettronica o Carta nazionale dei servizi, e fino al prossimo ottobre, ancora con il Pin dell’Agenzia delle Entrate.

Sempre sul fronte burocratico, vanno segnalate le conseguenze per gli automobilisti della recente proroga dello stato d’emergenza fino al 31 dicembre 2021. In primis, saranno prorogate le scadenze dei fogli rosa, delle CQC (Carta di Qualificazione dei Conducenti ) e del rinnovo delle patenti di guida che nell’ultimo caso avevano la scadenza fissata al 29 ottobre 2021.

Quanto alle revisioni, tutte quelle in scadenza o scadute tra il 1 settembre 2020 e il 30 giugno 2021 sono automaticamente prorogate di altri dieci mesi. Prorogato infine anche il pagamento del bollo auto, la cui scadenza era fissata allo scorso 30 giugno.

Adesso, con il decreto in attesa di essere ufficializzato, il termine è stato spostato, proprio come per le revisioni, di dieci mesi ma con la differenza che alcune regioni italiane (per esempio, il Piemonte) avevano già deciso autonomamente di spostare la vecchia scadenza, venendo incontro alle esigenze dei propri cittadini. In questo senso, meglio controllare sempre le disposizioni regionali a ridosso delle scadenze.

2 Agosto 2021 · Gennaro Andele



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Bollo auto e multe – Come funziona la nuova sanatoria per chi non ha pagato?