Bollo auto – Dal ritardo al mancato pagamento: ecco cosa si rischia

Quest’anno non so se riuscirò a pagare il tempo il bollo auto, anzi, avrei intenzione di non onorarlo dato che sono veramente ridotto all’osso con le spese.

Cosa rischio?

Il bollo auto è una tassa sul possesso di un veicolo circolante su tutto il territorio italiano: riguarda tutti gli automobilisti e si applica anche in caso di noleggio o leasing.

Il pagamento del bollo auto avviene annualmente sulla base delle scadenze: generalmente, comunque, il pagamento del bollo va effettuato entro l’ultimo giorno del mese successivo alla scadenza.

Chi non paga il bollo auto rischia di incorrere in pesanti sanzioni, fino al possibile fermo dell’auto.
Bollo auto: chi lo deve pagare?
Il bollo auto è una tassa automobilistica e come tale costituisce un obbligo tributario per gli automobilisti che vantano il possesso di un veicolo.

Il fatto che l’auto rimanga posteggiata in cortile o in garage non permette automaticamente di non pagare il bollo: questa tassa è legata proprio alla titolarità di un veicolo e dunque va versata anche qualora l’auto rimanga ferma senza circolare su strada.

Né la Polizia né i carabinieri, però, possono notificare una multa per omissione del pagamento del bollo auto, in quanto si tratta appunto di un obbligo tributario.

I vigili, dunque, possono eventualmente accertare la violazione del codice della strada e l’eventuale commissione di reati, ma non applicare multe in caso di bollo auto non pagato.

Il bollo auto è una tassa gestita dalle singole Regioni, fatta eccezione per il Friuli Venezia Giulia e per la Sardegna, per le quali viene gestita dall’Agenzia delle Entrate.

Il bollo auto non pagato, quindi, non costituisce una violazione del codice della strada ma piuttosto un caso di evasione fiscale (non grave). Come tale, quindi, viene punito con l’applicazione di opportune sanzioni amministrative notificate dalla Regione o dall’ufficio delle imposte.

Solitamente la sanzione consiste nell’applicazione di una maggiorazione sull’importo del bollo, che viene calcolata anche sulla base di un certo periodo di tolleranza.

L’ultimo giorno utile per pagare il bollo auto è l’ultimo giorno del mese successivo alla scadenza, ma se questo cade di sabato o domenica è possibile effettuare il pagamento di lunedì.

In tutti gli altri casi di ritardo sul pagamento del bollo auto è prevista l’applicazione di una sanzione.

Entro il primo anno dal mancato pagamenti del bollo auto è possibile usufruire del ravvedimento operoso.

La tabella di riferimento è la seguente:

  • se il pagamento del bollo avviene entro i primi 14 giorni oltre la scadenza della tolleranza, la sanzione è pari allo 0,1% per ogni giorno di ritardo;
  • se invece il pagamento avviene dal 15° al 30° giorno oltre la scadenza, la sanzione si riduce a 1/10. Pertanto si dovrà versare solo una maggiorazione dell’1,5%;
  • se il pagamento avviene dal 30° al 90° giorno oltre la scadenza, la sanzione scende all’1,67%;
  • il pagamento effettuato dopo il 90° giorno dalla scadenza e fino a 1 anno, comporta l’applicazione di una sanzione pari al 3,75%.

Dopo il primo anno per il quale è previsto il ravvedimento operoso le sanzioni salgono al 30% dell’importo dovuto con l’aggiunta di un interesse dello 0,5% per ogni sei mesi di ritardo.

Nel momento in cui viene accertato il mancato pagamento del bollo auto, l’ente titolare della tassa invia una prima notifica al contribuente per invitarlo a regolarizzare l’imposta, applicando le opportune sanzioni.

Nel momento in cui non viene regolarizzato il pagamento, la Regione o l’Agenzia delle Entrate passano la mano all’Agenzia delle Entrate Riscossione che procede con la riscossione forzata del tributo. Inizialmente è previsto l’invio di una cartella esattoriale contenente il debito da saldare, a cui segue il pignoramento dei beni del debitore, che possono riguardare, per esempio, il quinto dello stipendio o della pensione, o il conto corrente.

Il fermo del veicolo è previsto soltanto qualora siano decorsi 60 giorni dalla notifica della cartella, previo invio di un preavviso di 30 giorni.

19 Marzo 2021 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Bollo auto non pagato, cosa fare?
Ho un problema con il bollo auto della mia macchina. Ho comprato la macchina di seconda mano a giugno del 2005, e quando sono andato a pagare il bollo mi hanno chiesto una marea di documenti perchè la macchina aveva il bollo scaduto a febbraio quindi avrei dovuto pagare anche i mesi precedenti. Poi tra una cosa e l'altra ho dimenticato di pagarlo e lo scorso anno mi sono consultato con un amico avvocato che mi ha consigliato di non pagarlo più perchè ormai molti anni del bollo erano andati in prescrizione. Adesso dovrei versare la macchina per prenderne una ...

Equitalia - prescrizione cartelle esattoriali per mancato pagamento bollo auto e sanzioni amministrative
Mancato pagamento bollo auto del 2004 ruolo 2010/001478 reso esecutivo in data 30/11/2009 (le date non mi tornano ma c'è scritto così) mi è stato notificato il 16/11/2011. Multa del 23/04/2007 ruolo 2008/003651 reso esecutivo il 15/10/2008 notificata il 16/11/2011 ... devo pagare o sono prescritte ? ...

Se vendo la mia auto dopo 20 giorni dalla scadenza del bollo devo pagare lo stesso, anche se ho tenuto l'auto per meno di un mese e mezzo?
Vendendo un'auto oggi ad un commerciante, per l'acquisto di un'auto nuova, sono tenuto a pagare il bollo dell'auto scaduto da soli venti giorni? E' legittimo che io paghi un anno di bollo per un'auto che tengo meno di un mese e mezzo? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Bollo auto – Dal ritardo al mancato pagamento: ecco cosa si rischia