Bollette e maxi conguagli – Cosa ne è stato del decreto che facilitava i consumatori nella gestione dei reclami?

Vorrei sapere cosa ne è stato del decreto, che doveva essere inserito nel Milleproroghe, che avrebbe facilitato la vita ai consumatori nel gestire i reclami per contrastare i maxi conguagli fatturati dalle compagnie energetiche.

Se ne sa qualcosa?

Rimborso bollette pazze, salta l’emendamento al decreto Milleproroghe con cui sarebbe stato molto più semplice per i consumatori reclamare contro i maxi conguagli di luce e gas da centinaia di euro.

Infatti, l’emendamento pensato per contrastare le bollette da centinaia di euro di luce e gas proponeva due novità: la prima era sostituire la parola “illegittime” con “anomale” nella definizione degli addebiti non giustificati all’interno della Legge di Bilancio 2020.

Con questa semplice sostituzione, infatti, sarebbe diventato molto più facile per il consumatore dimostrare un’anomalia rispetto a una situazione di illegittimità.

La seconda proposta dell’emendamento “fantasma” prevedeva che il reclamo potesse essere presentato anche dalle associazioni di consumatori, a tutela di quei cittadini anziani o con scarse competenze.

L’emendamento, è stato ritirato per alcuni vizi di procedura ma in un prossimo provvedimento si cercherà di reinserirlo.

27 Febbraio 2020 · Gennaro Andele



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Bollette e maxi conguagli – Cosa ne è stato del decreto che facilitava i consumatori nella gestione dei reclami?