Bolletta e modifiche contratto unilaterali – Si può recedere?

Il mio operatore di telefonia ha cambiato, di punto in bianco, le condizioni del contratto di abbonamento della bolletta mensile, costringendomi, dunque, a pagare di più a fine mese.

Si può recedere dal contratto in questi casi?

Negli ultimi tempi ha tenuto banco lo scontro tra Agcom, società telefoniche e associazioni dei consumatori: tema cruciale è stata la fatturazione sui 28 giorni dei consumi telefonici.

Una vera e propria guerra – iniziata nel 2016 – con ricorsi al Tar, appelli e delibere revocate, che – in verità – ancora oggi non sembra essersi avviata del tutto ad una conclusione.

Infatti, ora si affaccia un nuovo caso che delineerebbe un comportamento illegittimo dell’azienda telefonica.

Facciamo allora il punto della situazione e vediamo più da vicino la questione bolletta telefono illegittima e come può l’utente tutelarsi.

Come abbiamo accennato, il problema della condotta non sempre cristallina delle compagnie telefoniche non sembra aver trovato ancora una vera soluzione ed anzi bollette irregolari – almeno in alcuni circostanze – continuano ad essere emesse, nonostante quanto sancito dal Consiglio di Stato, e nonostante la stessa Agcom (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) abbia dichiarato l’illegittimità delle fatture a 28 giorni.

La questione gioca tutta sul criterio con cui è stabilita la periodicità di fatturazione, da parte delle compagnie telefoniche nei confronti degli utenti dei servizi. E pare non essere bastata la sentenza n. 879 del 2020, recentemente pronunciata, a mettere una pietra sopra a tutta la vicenda ed a ricondurre le compagnie telefoniche sulla retta via.

Con tale sentenza, in particolare, il supremo organo della giustizia amministrativa ha riconosciuto il comportamento sleale delle società telefoniche, che in buona sostanza si sono arricchite in modo ingiustificato, alle spalle dei propri clienti, dando luogo a 13 fatture annuali ed illegittime, e non alle classiche 12 mensili. Questo giudice di fatto ha anche sancito il rimborso automatico di quanto versato, a causa di questo comportamento sleale.

Sembra che i rapporti contrattuali tra clienti e compagnie telefoniche non siano stati tutti ricondotti sui binari della piena legalità: recentemente, non pochi utenti di Wind Tre hanno fatto alcune segnalazioni, nelle quali fanno presente che la compagnia telefonica avrebbe cambiato, in modo unilaterale, le modalità di fatturazione del conto telefonico, passando da bimestrale a mensile anticipata (restando invece tale e quale il prezzo dell’offerta sottoscritta dal cliente).

Ovviamente le segnalazioni degli utenti non sono rimaste lettera morta, ed anzi l’Unione Nazionale Consumatori – informata dei fatti – ha ritenuto di comunicare la situazione all’Autorità Antitrust.

Il punto cruciale è il seguente: sebbene la spesa rimanga la stessa, secondo la citata associazione consumatori, si tratta pur sempre di una modifica unilaterale delle condizioni contrattuali, dato che in gioco c’è un cambio delle periodicità della spesa e della base di calcolo del prezzo (appunto si passa da due mesi ad uno). E tutto senza aver previamente consultato l’utente. Tanto basta insomma, per aversi un contratto modificato in modo arbitrario, da parte della società telefonica: se il consumatore non vuole aderire alla nuova proposta di modifica della bolletta telefono, sarà libero di rifiutarla ed anzi di recedere dal contratto di fornitura di servizio telefonico, ma senza penali.

Se ti interessa saperne di più sul diritto di recesso in generale, come si esercita e a chi spetta, clicca qui.

Questa tutela nei confronti del cliente della società telefonica che ha emesso la bolletta telefono, è prevista nel Codice delle comunicazioni elettroniche, ovvero il d. lgs. n. 259 del 2003, che infatti dispone: “Gli abbonati hanno il diritto di recedere dal contratto, senza penali, all’atto della notifica di proposte di modifiche delle condizioni contrattuali. Gli abbonati sono informati con adeguato preavviso, non inferiore a un mese, di tali eventuali modifiche e sono informati nel contempo del loro diritto di recedere dal contratto, senza penali, qualora non accettino le nuove condizioni“.

Mancherebbe insomma l’avviso della possibilità di recesso, non comunicato dalla società telefonica al cliente che ha ricevuto il messaggio dalla compagnia sulla modifica bolletta telefono. Concludendo, non resta che attendere come si esprimerà l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in merito al citato esposto dell’UNC, per capire come l’utente potrà difendersi al meglio in queste specifiche circostanze.

23 Ottobre 2020 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Modifiche unilaterali al contratto WindTre e diritto di recesso senza penali e spese
Ho fatto 2 volte, il 28 settembre (qui) e il 29 settembre (qui), una domanda a nome gian per sapere se c'erano eventuali norme (non solo opinioni) attinenti al passaggio di fatto di Wind a fine 2019 dalla fatturazione posticipata a quella anticipata, facendo pagare agli utenti un mese in più. Per 2 volte ha risposto il sig Napoletano, non a quanto richiesto, ma sul passaggio di Wind dalla fatturazione bimestrale a quella mensile, con relativo diritto o meno di recesso, che non c'entrava niente. La seconda volta ho dovuto scrivere un papiro per chiarire gli svarioni che aveva scritto ...

Modifiche unilaterali del contratto di conto corrente - Obblighi delle banche e diritti dei clienti
I contratti stipulati dalle banche con i propri clienti possono essere modificati, nel corso della loro durata, su iniziativa unilaterale, nel rispetto di precise condizioni di legge. Il Testo Unico Bancario (TUB), infatti, riconosce alle banche la facoltà di modifica unilaterale delle condizioni del contratto (ius variandi), ma fissa condizioni e limiti precisi affinché il suo esercizio sia legittimo. La normativa vigente prevede l'obbligo, per le banche, di inviare alla propria clientela una comunicazione preventiva che illustri il contenuto della modifica unilaterale proposta, le motivazioni che ne sono alla base e la data di entrata in vigore. Nel dettaglio: la ...

Unicredit e modifiche unilaterali contratto conto corrente - Poca chiarezza?
Sono titolare di un conto corrente presso UNICREDIT: è già la seconda (o terza volta) che mi vengono imposte modifiche unilaterali del contratto quasi a mia insaputa. Me ne accorgo sempre quando devo pagare in più: ho contattato più volte il servizio clienti che mi ha spiegato che la documentazione è disponibile in una sezione del servizio home banking. Praticamente, sono io che devo andare a cercarmi i contratti e leggermeli. Peraltro la sezione è parecchio incasinata. Non dovrebbero darmi preavviso e farmi visionare le modifiche con più trasparenza? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Bolletta e modifiche contratto unilaterali – Si può recedere?