Azione di riduzione del legittimario pretermesso dopo firma per accettazione delle volontà testamentarie

Nel 2014 muore mio padre lasciando un testamento olografo con il quale devolve tutto a suo nipote: estromettendo noi (2 figli e il coniuge superstite). All’atto di successione abbiamo tutti firmato per accettazione delle volontà testamentarie. Poi per mie sopravvenute difficolta’ economiche vorrei sapere se nonostante questa firma potrei iniziare un’azione di riduzione nei confronti dell’erede universale il quale ha ereditato negozi e appartamenti.

L’articolo 557 del codice civile prevede che la riduzione delle donazioni e delle disposizioni lesive della porzione di legittima non può essere domandata che dai legittimari e dai loro eredi o aventi causa. Essi non possono rinunziare a questo diritto, finché vive il donante, né con dichiarazione espressa, né prestando il loro assenso alla donazione. Praticamente, la norma codicistica ammette la rinuncia, espressa o tacita, da parte del legittimario leso all’azione di riduzione delle donazioni disposte in vita dal defunto, fatta dopo l’apertura della successione. Nulla viene precisato per quel che riguarda il legittimario pretermesso (cioè escluso dal testamento).

In materia di successione ereditaria, l’erede legittimario che sia stato pretermesso acquista la qualità di erede soltanto dopo il positivo esercizio dell’azione di riduzione; ne consegue che, prima di questo momento, egli non può chiedere la divisione ereditaria né la collazione dei beni, poiché entrambi questi diritti presuppongono l’assunzione della qualità di erede e l’attribuzione congiunta di un asse ereditario. Così si è espressa la Corte di cassazione nella sentenza 368/2010. Per estensione analogica lei, in qualità di legittimario pretermesso non poteva accettare la divisione ereditaria così com’è stata congegnata.

Pertanto, a nostro parere, il legittimario pretermesso non potendo accettare l’eredità, nemmeno avrebbe potuto accettare le volontà testamentarie del de cuius.

6 Luglio 2020 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il creditore può surrogarsi anche al debitore legittimario completamente pretermesso che non esercita azione di riduzione delle disposizioni testamentarie
L'articolo 557 del codice civile, comma 1, nell'occuparsi dei soggetti che possono chiedere la riduzione delle donazioni e delle disposizioni testamentarie lesive della porzione di legittima (quota riservata), stabilisce che la riduzione non può essere domandata che dai legittimari e dai loro eredi o aventi causa. Per giurisprudenza consolidata sappiamo che il creditore del legittimario che accetta l'eredità (pura e semplice) può essere senz'altro incluso, in riferimento all'articolo 557 del codice civile, fra gli aventi causa e al creditore deve, pertanto, riconoscersi la titolarità dell'esercizio, in via surrogatoria, dell'azione di riduzione delle disposizioni lesive della quota riservata ai legittimari, che ...

Il legittimario che intende proporre azione di riduzione nei confronti dei coeredi e dei legatari deve accettare l'eredità con beneficio di inventario
Il legittimario che proponga contemporaneamente azione di riduzione nei confronti sia di coeredi sia di legatari, poichè chiede la riduzione di disposizioni testamentarie fatte a legatari e coeredi, deve accettare con beneficio di inventario? ...

Asse ereditario, azione di riduzione delle disposizioni testamentarie o delle donazioni effettuate in vita e debiti del defunto
Una persona vuole fare azione di riduzione per la lesione della quota di legittima. I debiti che vengono compresi nell'asse sono solamente quelli attuali al momento della morte del de cuius o anche quelli futuri (devono arrivare delle cartelle). ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Azione di riduzione del legittimario pretermesso dopo firma per accettazione delle volontà testamentarie