Azienda recupero crediti che chiama presso il posto di lavoro

Volevo chiedere se è corretto che un'azienda di recupero credito chiama presso la sede dell'azienda per cui lavoro.

Se non è corretto posso diffidarla e/o esporre il fatto ai Carabinieri?

Contattare il debitore presso l'azienda in cui lavora integra una evidente e grave violazione della privacy. La società di recupero crediti ha uno, ed un solo modo legittimo, di interagire con il debitore: inviargli una raccomandata AR all'indirizzo attuale di residenza. Punto.

Lei è legittimato, pertanto a segnalare il caso all'Autorità per la tutela della privacy. Non solo, può sporgere denuncia anche all'Autorità giudiziaria per molestie e stalking.

Ma c'è un modo ancora più efficace, se vuole, di punire chi crede di poter agire al di fuori delle regole. E' necessario premettere che le derive comportamentali che l'hanno coinvolta non sono gradite, in primis, da chi è responsabile della società , in quanto segnalazioni da parte del debitore all'Autorità per la tutela della privacy o a quella giudiziaria potrebbero dare avvio ad ispezioni della Banca d'Italia e della Prefettura, con conseguenti sanzioni e/o il ritiro della licenza per poter operare nel settore del recupero crediti.

I funzionari che contattano, via telefono, il debitore presso il luogo di lavoro (ma non si fanno scrupolo di chiamare anche familiari ed amici) si comportano in questo modo perchè ignorano quello cui potrebbero andare incontro qualora incontrassero un debitore consapevole dei propri diritti e non disposto a farsi vessare. Essi cercano di esercitare una pressione psicologica sul debitore, minacciando di far emergere la situazione debitoria al di fuori della sua sfera privata, nel caso specifico fra colleghi di lavoro, per costringerlo a pagare.

Nessuno li ha istruiti sulle regole da rispettare (tanto la responsabilità penale è personale) ed hanno come attenuante (che, tuttavia, non giustifica certi atteggiamenti invasivi) il fatto che sono malpagati e cercano, in ogni modo, di accrescere le proprie provvigioni con il recupero di quanto più possibile.

Pertanto, basta scrivere una letterina, da inviare con raccomandata A/R, ai vertici della società di recupero crediti per la quale opera il soggetto che si è permesso di contattarla sul luogo di lavoro, indicando le generalità del debitore e il numero di pratica (il nome del reo non è necessario in quanto è possibile risalire dalla pratica a chi è stato chiamato a gestirla) descrivendo l'episodio, diffidando formalmente la società dal continuare a porre in atto atteggiamenti che violano la privacy e configurano reati di molestie e stalking e riservandosi di agire per il risarcimento danni.

E' ora di porre un argine a queste pratiche scorrete di recupero crediti. Ma per farlo è necessaria la collaborazione dei debitori.

20 marzo 2015 · Loredana Pavolini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

violazione della privacy e della dignità del debitore
visite domiciliari sms e contatti telefonici indesiderati dell'agente di recupero crediti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

L'attività di addetto/a al recupero crediti non può essere inquadrata con un contratto di lavoro a progetto
Lo svolgimento dell'ordinaria attività aziendale, avente per oggetto sociale l'attività di recupero crediti per conto di terzi committenti, e dunque nella ricerca del contatto con il debitore, nel concordare con lo stesso le modalità di pagamento anche dilazionato, nell'invio di solleciti di pagamento, svolta via telefono ed informatica presso la ...
Recupero crediti di lavoro per differenze retributive - legittimo pretendere gli importi delle ritenute versate dall'azienda prima del pignoramento
In tema di recupero dei crediti di lavoro per differenze retributive, è legittimo il pignoramento attivato dal lavoratore per ottenere l'importo delle ritenute già versate all'erario prima della notifica dell'atto. Per giurisprudenza consolidata, infatti, l'accertamento e la liquidazione del credito spettante al lavoratore per differenze retributive devono essere effettuati al ...
Cartella esattoriale con vizio formale » Inps può recuperare comunque i crediti
l'Inps ha il diritto di recuperare i tributi non pagati dal contribuente anche se la cartella esattoriale è affetta da un vizio formale. Infatti, un eventuale vizio formale della cartella o il mancato rispetto del termine decadenziale previsto ai fini dell'iscrizione a ruolo comporta soltanto l'impossibilità, per l'istituto, di avvalersi ...
Cessione d'azienda e di ramo d'azienda - Dei debiti risponde l'acquirente o l'alienante?
La regola generale prevede che nel trasferimento dell'azienda i creditori aziendali possono contare sulla responsabilità sia dell'alienante che dell'acquirente, entrambi obbligati in solido. La previsione della solidarietà dell'acquirente dell'azienda nella obbligazione relativa al pagamento dei debiti dell'azienda ceduta è posta a tutela dei creditori, e non dell'alienante: sicché, essa non ...
Recupero TFR - Ecco come ottenerlo tramite il Fondo di Garanzia INPS quando l'azienda presso cui lavori presenta domanda di concordato preventivo
E' possibile recuperare il TFR (trattamento di fine rapporto) tramite il fondo di garanzia dell'INPS nel caso in cui la vostra azienda abbia presentato domanda di concordato preventivo. Quando l'azienda presso cui lavorate manifesta dei segnali di rischio potenziale come pagamenti insoluti, è bene cominciare a drizzare le antenne. Dunque, ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca