Avviso di intimazione dopo oltre 5 anni per una cartella esattoriale parzialmente pagata - Il debito è prescritto?

Oggi, 10 gennaio 2018, ricevo un avviso di intimazione relativo ad una cartella, notificata il 14/12/2012, relativa al mancato pagamento della tassa sui rifiuti dell'anno 2011.

Preciso che l'importo dell'avviso odierno riguarda solo gli interessi di mora della cartella del 2012, a suo tempo pagata il 61°giorno dopo la notifica (con un solo giorno di ritardo). Fino a stamattina nessun'altra notifica o avviso.

Mi chiedo se alla data del 10/01/2018 non sia andata in prescrizione la cartella notificata il 14/12/2012! In questo caso, l'avviso di intimazione relativo agli interessi di mora è nullo? Come posso far cancellare il debito?

Secondo l'articolo 1, comma 161 della legge 296/2006 Gli enti locali, relativamente ai tributi di propria competenza, procedono alla rettifica delle dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti, nonchè all'accertamento d'ufficio delle omesse dichiarazioni o degli omessi versamenti, notificando al contribuente, anche a mezzo posta con raccomandata con avviso di ricevimento, un apposito avviso motivato. Gli avvisi di accertamento in rettifica e d'ufficio devono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati.

Ora, la pretesa per gli interessi di mora relativi al ritardato versamento della cartella esattoriale del 2012 doveva essere notificata entro il 31 dicembre 2017.

Nel nostro ordinamento vige il principio generale secondo il quale, qualunque sia la modalità di trasmissione, la notifica di un atto si intende perfezionata, per il notificante (in quanto al rispetto dei termini di prescrizione e decadenza della pretesa) nella data di consegna dell'atto all'agente notificatore o alle poste; per il destinatario (per quel che attiene la decorrenza dei termini di impugnazione della pretesa o di pagamento) nella data di ricevimento dell'atto attestata dall'avviso di ricevimento, o dopo i dieci giorni di giacenza previsti in caso di temporanea irreperibilità del destinatario.

Se la data di consegna alle poste dell'avviso di intimazione per la notifica al destinatario è antecedente al primo gennaio 2018, la pretesa non è prescritta, indipendentemente dalla circostanza che, poi, l'avviso di intimazione sia stato consegnato al destinatario ben oltre il primo gennaio 2018.

11 gennaio 2018 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

prescrizione e decadenza dei debiti e dei crediti
prescrizione e decadenza della cartella esattoriale originata da multa

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mancato pagamento cartelle esattoriali – cosa è l'intimazione al pagamento o avviso di mora
Gli avvisi di intimazione (o "avvisi di mora") vengono inviati dall'Agente della Riscossione dopo che sia decorso un anno dalla notifica della cartella. In mancanza, l'Agente della Riscossione non potrebbe - decorso il detto anno - attivare le procedure esecutive. L'avviso di intimazione contiene: le generalità del destinatario dell'atto; il ...
Prescritto il credito esattoriale preteso con avviso di intimazione al pagamento inviato al debitore dopo cinque anni dalla notifica della cartella esattoriale
Il principio, di carattere generale, secondo cui la scadenza del termine perentorio sancito per opporsi o impugnare un atto di riscossione mediante ruolo, o comunque di riscossione coattiva, produce soltanto l'effetto sostanziale della irrevocabilità del credito, ma non anche la cosiddetta conversione del termine di prescrizione breve, eventualmente previsto, in ...
Riscossione coattiva esattoriale e pignoramento - Opposizione all'esecuzione e agli atti esecutivi
Nella riscossione coattiva esattoriale si può impugnare la cartella di pagamento, regolarmente notificata, al fine di contestare il diritto del creditore di procedere ad esecuzione forzata per vizi sostanziali. In pratica per: contestare la legittimità dell'iscrizione a ruolo del debito (omessa notifica dell'atto presupposto, cioè dell'avviso di addebito, del verbale ...
In giudizio Equitalia deve esibire l'avviso di ricevimento anche se sono trascorsi più di cinque anni dalla data di notifica della cartella esattoriale
Grava su Equitalia l'onere di provare la regolare notifica delle cartelle esattoriali poste a base dell'azione esecutiva: tale onere deve essere assolto mediante produzione in giudizio della relata di notifica, ovvero dell'avviso di ricevimento (anche detta ricevuta di ritorno), essendo esclusa la possibilità di ricorrere a documenti equipollenti, quali, ad ...
Notifica della cartella esattoriale mediante raccomandata con avviso di ricevimento
La notifica della cartella esattoriale emessa per la riscossione di sanzioni amministrative è disciplinata dall'articolo 26 del dpr 602/1973: pertanto la notifica può essere eseguita direttamente da parte dell'esattore mediante raccomandata con avviso di ricevimento. In tema di riscossione delle imposte, la notifica della cartella esattoriale può avvenire anche mediante ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca