Auto e targa estera – Posso circolare in Italia?


Vivo all’estero (Paese dell’Unione Europea), ma ho sempre la residenza in Italia: guido un’auto che ho comperato, ma intestato a mia moglie (straniera in Italia). Ma e’ vero che con questa automobile non posso circolare in Italia perché ha targa estera? Anche se é di mia moglie?

Gli autoveicoli, i motoveicoli e i rimorchi immatricolati in uno Stato estero e che abbiano già adempiuto alle formalità doganali, se prescritte, sono ammessi a circolare in Italia per la durata massima di un anno, in base al certificato di immatricolazione dello Stato di origine (articolo 132, comma 1 Codice della strada).

Salvo che per i veicoli concesso in leasing o in locazione senza conducente, e’ vietato, a chi ha stabilito la residenza in Italia da oltre sessanta giorni, circolare con un veicolo con targa estera (articolo 93 comma 1 bis).

Se sua moglie non è residente in Italia, scaduto il termine di un anno, deve chiedere al competente ufficio della motorizzazione civile, previa consegna del documento di circolazione e delle targhe estere, il rilascio di un foglio di via e della relativa targa, al fine di condurre il veicolo oltre i transiti di confine. L’ufficio della motorizzazione civile provvede alla restituzione delle targhe e del documento di circolazione alle competenti autorità dello Stato che li ha rilasciati.

23 Febbraio 2020 · Ludmilla Karadzic



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Auto e targa estera – Posso circolare in Italia?