Auto e targa estera – Posso circolare in Italia?

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!



Vivo all’estero (Paese dell’Unione Europea), ma ho sempre la residenza in Italia: guido un’auto che ho comperato, ma intestato a mia moglie (straniera in Italia). Ma e’ vero che con questa automobile non posso circolare in Italia perché ha targa estera? Anche se é di mia moglie?

Gli autoveicoli, i motoveicoli e i rimorchi immatricolati in uno Stato estero e che abbiano già adempiuto alle formalità doganali, se prescritte, sono ammessi a circolare in Italia per la durata massima di un anno, in base al certificato di immatricolazione dello Stato di origine (articolo 132, comma 1 Codice della strada).

Salvo che per i veicoli concesso in leasing o in locazione senza conducente, e’ vietato, a chi ha stabilito la residenza in Italia da oltre sessanta giorni, circolare con un veicolo con targa estera (articolo 93 comma 1 bis).

Se sua moglie non è residente in Italia, scaduto il termine di un anno, deve chiedere al competente ufficio della motorizzazione civile, previa consegna del documento di circolazione e delle targhe estere, il rilascio di un foglio di via e della relativa targa, al fine di condurre il veicolo oltre i transiti di confine. L’ufficio della motorizzazione civile provvede alla restituzione delle targhe e del documento di circolazione alle competenti autorità dello Stato che li ha rilasciati.

23 Febbraio 2020 · Ludmilla Karadzic



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Auto e targa estera – Posso circolare in Italia?





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!