Atto interruttivo della prescrizione del diritto di esigere il debito inviato all’indirizzo di corrispondenza fornito dal debitore in sede di sottoscrizione del contratto di prestito e successivamente variato


La validità della comunicazione interruttiva dei termini di prescrizione inviata all'indirizzo fornito dal debitore, dipende dalle clausole contrattuali

Anno 2006 DBT (Decadenza dal Beneficio del Termine) su finanziamento personale e cessione del debito a Soggetto A
Anno 2010 Raccomandata di Interruzione termine e sollecito di pagamento al nuovo indirizzo di corrispondenza
Anno 2014 Cessione del credito a soggetto B che rimanda raccomandata di interruzione termini ma non al nuovo indirizzo ma al vecchio. Raccomandata che ritorna indietro per compiuta giacenza
Anno 2022 Soggetto B reclama il credito esibendo la suddetta documentazione

Volevo sapere se posso ricorrere per la prescrizione del debito.

Senza entrare nel merito delle clausole contrattuali che fissano le regole in base alle quali il debitore è obbligato a comunicare al creditore corrente il proprio valido indirizzo di corrispondenza, c’è da rilevare che qualora il creditore A avesse comunicato, e il debitore avesse ricevuto, la comunicazione di cessione del credito al soggetto B intervenuta nel 2014, questa integrerebbe l’interruzione del decorso dei termini prescrizionali anche per il soggetto B, dal momento che quest’ultimo, se non avesse avuto intenzione di tentare di riscuotere il credito rimasto insoddisfatto non lo avrebbe acquisito.

Pertanto, senza entrare nel merito della validità della successiva presunta comunicazione (di diffida e messa in mora?) inviata dalla cessionaria B al proprio debitore – ad un indirizzo di corrispondenza obsoleto, sebbene indicato nel contratto di prestito – possiamo tranquillamente affermare che il creditore B ha tempo fino al 2024 per rinnovare i termini di prescrizione, con comunicazioni formali e/o con tentativi, anche infruttuosi, di escussione del debitore inadempiente.

Qualora nessuno degli eventi appena citati si concretizzasse, per verificare l’eventuale prescrizione del diritto della cessionaria B di esigere il credito in tempi successivi al 2024, bisognerebbe capire come nel 2010 il creditore originario sia venuto a conoscenza del nuovo indirizzo di corrispondenza, e se, in caso di cessione del credito, il debitore sia, o meno, vincolato a rinnovare, anche al cessionario, la comunicazione di variazione di indirizzo di corrispondenza, rispetto a quello indicato nel contratto di prestito.

20 Gennaio 2023 · Annapaola Ferri

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: , ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza zero voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » Atto interruttivo della prescrizione del diritto di esigere il debito inviato all’indirizzo di corrispondenza fornito dal debitore in sede di sottoscrizione del contratto di prestito e successivamente variato. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.