Atto di precetto e pignoramento dello stipendio

Argomenti correlati:

Ieri è arrivato il primo dei due atti di precetto da parte di Banca IFIS, società con la quale non sono riuscita a trovare neanche un minimo di intesa per chiudere definitivamente la mia posizione.

Avevo fatto diverse proposte, chiusura a stralcio, pagare in diversi mesi, ma niente, hanno sempre risposto negativamente a tutto.

Adesso cosa succede? Non avendo niente di prezioso, mi pignoreranno 1/5 dello stipendio? Sara’ fatto già dalla prossima busta? come verrà calcolato 1/5 dello stipendio? Viene conteggiato tutto (io ho 700 euro di trattenute cessione e delega e ogni mese tra straordinario e festivi faccio sui 500 euro).

Inoltre io il prossimo anno prendo il tfr, ma non possono aspettare e se li prendano tutto assieme dalla liquidazione?

Il creditore non è tenuto ad accettare le proposte di regolamento del debito formulate dal debitore: se lo ritiene più conveniente, egli procede al pignoramento del reddito mensile (stipendio o pensione) del debitore.

Se al momento del passaggio in pensione, il debito non risulta ancora essere stato estinto, il Trattamento di Fine Rapporto (TFR), potrà essere pignorato nella misura massima del 20% di quanto spetta al debitore insolvente, al netto delle trattenute fiscali e, naturalmente, fino a soddisfacimento del credito azionato.

Lo stipendio è pignorabile nella misura del 20% della retribuzione mensile al netto delle trattenute fiscali e contributive e degli assegni familiari se spettanti (gli assegni familiari e gli assegni per il nucleo familiare sono impignorabili). In teoria la legge prevede che la trattenuta sia proporzionale a quanto mensilmente percepito ogni mese (quindi il quinto andrebbe applicato anche agli straordinari percepiti in ciascun mese).

Tuttavia, per ragioni tecniche (semplicità di calcolo degli interessi legali dovuti al creditore), si preferisce stabilire una trattenuta mensile fissa pari al 20% (il quinto) della busta paga netta percepita con riferimento al mese in cui il giudice assegna la trattenuta al creditore procedente. Quando il debitore inadempiente effettua straordinari in relazione ad esigenze di lavoro (e ad importi) molto variabili, il giudice calcola la trattenuta del 20% sulla media stipendiale percepita negli ultimi 12/18/24 mesi.

Il fatto che il debitore inadempiente sia soggetto a pregressa trattenuta per cessione del quinto e prestito delega è assolutamente irrilevante ai fini del calcolo della somma da prelevare dallo stipendio.

Una volta che il debitore inadempiente sia stato collocato a riposo (pensione) il creditore non ancora soddisfatto si muoverà per ottenere il pignoramento del rateo di pensione spettante al debitore. La trattenuta sarà pari al 20% della pensione al netto delle trattenute fiscali e degli assegni familiari (se dovuti), al lordo della rata di cessione del quinto stipendiale se perdurante, per la parte eccedente il minimo vitale (circa 690 euro).

Il datore di lavoro comincerà ad effettuare la trattenuta (inizialmente in accantonamento) non appena il creditore avrà notificato a lui e al debitore l’atto di pignoramento a seguito della mancata osservanza dell’intimazione al pagamento contenuta nell’atto di precetto.

1 Aprile 2021 · Annapaola Ferri

Entro i 10 gg stabiliti nel precetto, vorrei pagare solo una piccola somma, diciamo sui 6000 euro ne pago subito 500 euro. Con questo parziale pagamento posso oppormi al pignoramento dello stipendio da far valere in tribunale poiché ho pagato una parte del debito prima della notifica dell’atto di pignoramento.

In questo modo dovrebbero fare il decreto di nuovo dall’inizio e potrei guadagnare tempo. E’ possibile ciò?

2 Aprile 2021 · Simone di Saintjust

No signora, purtroppo non funziona così: o paga l’intera somma nei termini (neppure un centesimo in meno) oppure subisce il pignoramento dello stipendio, e del TFR se fino alla cessazione del rapporto di lavoro non riuscirà a rimborsare l’importo stabilito dal giudice nel decreto ingiuntivo.

2 Aprile 2021 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cessione del quinto dello stipendio e pignoramento
La legge disciplina l'ipotesi del cumulo della cessione con uno o più eventuali pignoramenti della retribuzione. Il cumulo può verificarsi in due distinte ipotesi, in relazione alle quali il legislatore fissa precisi limiti quantitativi. Qualora la retribuzione del lavoratore sia già gravata da una trattenuta a titolo di pignoramento e successivamente il medesimo stipuli un contratto di finanziamento da estinguersi mediante cessione della retribuzione, la quota di stipendio "cedibile" dal dipendente non può eccedere la differenza tra i due quinti della retribuzione (considerata al netto delle trattenute fiscali e previdenziali) e la quota "vincolata" dal pignoramento; in ogni caso, la ...

Ulteriore pignoramento dello stipendio - Le somme complessivamente prelevate arrivano al 40% della busta paga anche se i crediti azionati sono riconducibili alla medesima classe
In busta paga ho già presente pignoramento dello stipendio di 1/5: successivamente è stato notificato un altro pignoramento che il datore di lavoro ha trattenuto ulteriormente e quindi in busta sono presenti due pignoramenti di 1/5 ciascuno. L'udienza dal giudice è fra qualche mese, e visto che la classe dei debiti é la stessa, verrà messo in coda, ma il mio problema è che non posso avere più di 1/5 di trattenute così come da disposizioni di legge. E' possibile che bisogna attendere data udienza per avere restituite le somme in più trattenute dal datore di lavoro ? Per legge ...

Decreto ingiuntivo e probabile pignoramento dello stipendio - Ma sono già pieno di debiti
Ho appena ricevuto un decreto ingiuntivo da IFIS BANCA NPL (Non Performing Loans) spa che ha acquistato il credito da FINDOMESTIC per un importo totale di oltre undicimila euro. Sono già pieno di debiti e dal mio misero stipendio sto pagando tre trattenute (prestiti vari) in busta paga ( cesseione,delega e un altro prestito aziendale) e poi fuori busta paga , una cambiale di 140 euro al mese ( per 12 anni ancora) con agos, 50 euro al mese con bonifico ( x saldare carta nexi da 2500 circa) , infine affitto di 550 euro (con contratto). Mi rimangono al ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Atto di precetto e pignoramento dello stipendio