Atto di donazione e azione revocatoria

Seguito contenzioso che dura dal 2011, con emessa sentenza a me positiva, successivo appello controparte, chiedo se possibile un atto di donazione degli immobili (terreni) in questione contenzioso ad eredi diretti (figli) ovvero a terzi/enti benefici.

Il creditore può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione (nella fattispecie una donazione) del patrimonio – anche anteriori al sorgere del credito – finalizzati e dolosamente preordinati a pregiudicare il soddisfacimento del credito stesso.

Così recita l’articolo 2901 del codice civile: il successivo articolo 2903 stabilisce poi che l’azione revocatoria si prescrive in cinque anni dalla data dell’atto dispositivo, o meglio, dalla data in cui l’atto di donazione viene trascritto nei pubblici registri immobiliari.

In pratica, se la sentenza di appello ribalterà quella di merito, statuendo la sua posizione di debitore in una certa data e l’atto di donazione risulterà essere stato perfezionato più di cinque anni prima, il creditore non avrà la possibilità di chiedere ed ottenere la revocatoria dell’atto dispositivo di donazione.

Tuttavia, si corre sempre il rischio che il giudice adito possa ritenere la prescrizione quinquennale dell’azione revocatoria decorrente dal momento in cui il creditore acquisisce il diritto di esercitarla (ex articolo 2935 del codice civile) e quindi dalla data di una eventuale sentenza di appello sfavorevole a lei che ci scrive.

17 Marzo 2020 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Azione revocatoria di atto di donazione - Possibile ritenere la donazione come trasferimento a titolo oneroso se il donante riceve successivamente prestiti dal donatario?
Ho ricevuto un'abitazione in donazione dal coniuge (debitore) tre anni prima della citazione per revocatoria, dopo circa tre mesi dalla donazione ho corrisposto al coniuge numerosi prestiti (mai restituiti) mediante bonifici con causale prestito, si potrebbe considerare la suddetta donazione come atto a titolo oneroso visto tutti i prestiti che ho erogato al coniuge dopo la donazione. L'importo dei prestiti supera peraltro il valore dell'immobile donato. ...

Revocatoria di un atto a titolo oneroso simulato con una donazione
In una causa di revocatoria è possibile dimostrare che la donazione di un immobile non era avvenuta a titolo gratuito poichè ancor prima di aver ricevuto l'immobile in donazione avevo pagato personalmente con assegni dal mio conto corrente bancario le spese di ristrutturazione di detto immobile e anche l'acquisto dei vari arredi. Preciso che dette spese equivalevano al valore dell'immobile. ...

Azione revocatoria, data di insorgenza del credito e data dell'atto dispositivo del debitore
Vi chiedo se è possibile dichiarare inefficace una donazione, tramite azione revocatoria ordinaria, partendo dal presupposto che la LESIONE DELLA GARANZIA PATRIMONIALE in caso di revocatoria, va considerata al momento in cui l'atto di alienazione viene posto in essere e tutto ciò che avviene successivamente non interessa (Cassazione sentenza 23743, depositata il 14 novembre 2011). Alla luce di questa sentenza si specifica quanto segue: ALLA DATA DELLA DONAZIONE FATTA DAL DEBITORE AL CONIUGE, IL CREDITORE ERA BEN GARANTITO ESSENDO IN POSSESSO DELLA LIQUIDAZIONE SPETTANTE AL DEBITORE, CHE A QUELLA DATA AVEVA MATURATO LIQUIDAZIONE PER OLTRE 100.000,00 EURO, CHE IL CREDITORE ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Atto di donazione e azione revocatoria