Assegno Familiare Unico – Ripartizione fra soggetti non coniugati con figli minori


Argomenti correlati:

Sono un padre (non sposato) i cui figli sono stati collocati con ordinanza provvisoria presso la residenza della madre la quale non lavora ai quali devo versare 200 euro per ciascun figlio.

Sono un dipendente pubblico e fino allo scorso anno gli Assegni per il Nucleo Familiare (ANF) venivano accreditati alla mamma in quanto genitore residente con figli.

Con l’assegno Unico la madre mi ha comunicato che presso un CAF ha chiesto e ottenuto l’assegno unico.

Non avendo concordato niente con me, volevo comunque sapere se ho titolo di poter chiedere ad un CAF la metà dell’assegno unico.

In caso di affidamento condiviso, l’assegno unico e universale è corrisposto dall’INPS, a richiesta anche successiva, in pari misura tra coloro che esercitano la responsabilità genitoriale, mediante accredito su conto corrente bancario o postale, ovvero scegliendo la modalità del bonifico domiciliato.

Anche in caso di affidamento esclusivo, il richiedente potrà chiedere la corresponsione del 50% dell’importo spettante.

In entrambi i casi, naturalmente, a meno di non sollevare un contenzioso con l’altro genitore, converrà attendere le prossime erogazioni.

1 Aprile 2022 · Genny Manfredi



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?