Diritto all’assegno sociale e correlazione con saldo di conto corrente e con eventuali proprietà immobiliari


Sono titolare di assegno sociale, quando in un secondo tempo eredito la casa di famiglia, ma non essendo sufficiente l’assegno per mantenere me e la casa (spese di condominio alte), decido di venderla e prima di ricomprarne una equivalente ma con meno spese, provvisoriamente acquisto un piccolo appartamento in un paesino con poca spesa. La somma avanzata, finchè non ricompro, va a invalidare i requisiti per l’assegno? Anno per anno mi viene chiesto solo la conferma della residenza, ma non mi fido a chiedere la maggiorazione per i 70 anni ormai raggiunti, e spero che l’assegno stesso non sia a rischio.

Il diritto all’assegno sociale dipende esclusivamente dal reddito annuo lordo percepito dal single o dalla coppia di coniugi: se la casa acquistata è adibita a residenza del proprietario, il reddito annuo lordo resta invariato. Se la casa acquistata non viene adibita a residenza del proprietario, allora per quest’ultimo si registra un aumento del reddito annuo lordo.

29 Novembre 2021 · Tullio Solinas



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Diritto all’assegno sociale e correlazione con saldo di conto corrente e con eventuali proprietà immobiliari