Assegno sociale negato dall’INPS per redditi figurativi da fabbricato – Come risolvere?

Ho compiuto 67 anni quattro mesi fa ed ho presentato all’INPS domanda per ottenere l’assegno sociale: non percepisco redditi da lavoro e non percepisco alcun tipo di pensione.

L’INPS ha respinto la domanda in quanto risulto comproprietaria di un immobile al 50% con il coniuge separato, immobile in cui non risiedo e dal quale mi viene assegnato un reddito (figurativo) da fabbricato.

Tuttavia, l’immobile in questione è stato integralmente affidato in sede di separazione legale proprio al coniuge separato affidatario dei figli (allora minorenni, oggi ancora economicamente non auto sufficienti) per cui, anche volendo, non potrei risiedere nella casa di cui sono proprietaria al 50%: al momento, infatti, dono ospitata da una mia amica.

L’articolo 3, comma 6, della legge 335/1995 stabilisce che, per la verifica dei requisiti di accesso al beneficio di assegno sociale, non si computa il reddito della casa di abitazione.

Questa la ragione per cui le è stato attribuito il reddito derivante dal possesso del 50% dell’appartamento: lei, per causa di forza maggiore, non risulta risiedere nella casa di cui è comproprietaria.

Nel particolare contesto appena tratteggiato, potrà forse aiutare il principio sancito dalla Suprema Corte di cassazione nella sentenza 6570/2010, in base al quale il reddito incompatibile al riconoscimento della prestazione sociale assume rilievo solo se effettivamente percepito, atteso che anche alla luce di una interpretazione costituzionalmente orientata, in mancanza di tale percezione (come nella fattispecie, ndr) l’interessato versa nella stessa situazione reddituale degli aventi diritto all’assegno sociale.

Pertanto, il suggerimento è quello di presentare ricorso al giudice del lavoro del tribunale territorialmente competente in base alla sua residenza, per contestare il diniego oppostole al diritto di ottenere l’assegno sociale a causa di redditi virtuali che lei non percepisce effettivamente.

8 Gennaio 2021 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Reddito di cittadinanza, assegno sociale e redditi virtuali da fabbricato: il problema di separati e divorziati colpevoli di essere proprietari dell'immobile assegnato dal giudice all'altro coniuge
Sono separato da mia moglie e proprietario del 50% della casa assegnata in sede di separazione al coniuge affidatario dei miei 3 figli. I figli, ormai maggiorenni ma economicamente non autosufficienti, risiedono ancora in quella che fu la casa familiare. Non percepisco redditi da lavoro e vivo come ospite presso un amico non potendo permettermi di poter pagare un affitto. Ho da poco compiuto 67 anni e ho scoperto, con grave disappunto, di non poter accedere all'assegno sociale in virtù del reddito da fabbricato che viene virtualmente generato dalla proprietà del 50% di una casa di cui non posso disporre ...

Assegno sociale per un soggetto 67.enne senza reddito ma comproprietario di un immobile » Differenza fra assegno sociale e pensione di cittadinanza
Sono separato legalmente dal 1998, ma a causa di 3 figli non ho mai fatto cambio di residenza: la mia ex moglie ha una pensione di € 500 mensili e io sono disoccupato da 10 anni; ora, in seguito al nucleo famigliare in cui risulto (ex moglie io e una figlia ) l'INPS mi ha assegnato € 45 mensili come reddito di cittadinanza. Sto per compiere 67 anni e visto che non ho maturato i minimi richiesti per la pensione (versati solo 9 anni di contributi) , devo fare cambio di residenza. Appunto a questo proposito vorrei spostarmi nella casa ...

Assegno sociale anche per il coniuge separato senza reddito indipendentemente dal reddito dell'altro coniuge
Ho compiuto da poco 67 anni, vivo da sola, sono separata da mio marito con provvedimento giudiziale e non percepisco alcun reddito: non ho potuto beneficiare della pensione di cittadinanza avendo una giacenza media in conto corrente superiore ai diecimila euro. Si tratta di soldi lasciatimi in eredità da mia madre con i quali pago mensilmente l'affitto e faccio fronte alle spese di salute. Il coniuge separato è titolare di pensione ma non è obbligato ad assegno di mantenimento a mio favore. La mia domanda è: ho diritto all'assegno sociale anche se il coniuge separato percepisce una pensione di vecchiaia? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Assegno sociale negato dall’INPS per redditi figurativi da fabbricato – Come risolvere?