Assegno emesso non incassato

Ho emesso un assegno fuori piazza, datato 3 febbraio 2020: ad oggi non è ancora stato incassato, sono passati quindi i 15 giorni utili per farlo. È coperto, sul mio conto ci sono i fondi. Se dovesse essere portato all’ incasso cosa succede? Verrà pagato nonostante siano passati i 15 giorni? E se sul mio conto al momento dell’ incasso eventuale non dovesse esserci più la somma atta a coprirlo?

Deve fare in modo che sul conto corrente persista liquidità sufficiente a coprire l’assegno eventualmente messo all’incasso, anche una volta scaduti i termini di presentazione.

A meno che il traente (colui che ha emesso l’assegno) non proceda con ordine scritto alla banca di revoca di pagamento per quello specifico assegno: l’assegno non pagato dalla banca su ordine del traente non potrà essere protestato né segnalato in CAI, tuttavia il beneficiario con l’assegno rimasto impagato potrà precettare il traente e avviare un’azione esecutiva nei suoi confronti.

2 Marzo 2020 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assegno emesso e risultato scoperto - Come posso rimediare per limitare i danni conseguenti?
Ho emesso un assegno per un importo di euro 1000: sul mio conto, al momento dell'incasso mancavano 100 euro circa, a causa di un pagamento che doveva arrivarmi ma è in ritardo. Come posso fare per regolarizzare la situazione? Se versassi il mancante e chiedessi a chi deve riscuotere l'assegno di presentarlo all'incasso una seconda volta va bene? Non sono stato avvisato dalla mia banca della mancanza dei fondi, me ne sono accorto da solo, da una voce sul conto in addebito, di 15 euro€ che recita commissioni per impagato assegno Grazie ...

Assegno emesso e poi richiamato con riaccredito dell'importo facciale - Ma l'assegno non compare fra quelli ancora disponibili
Ho un problema con un assegno: qualche mese fa viene versato a mia insaputa un'assegno da me regolarmente emesso, chiedo la cortesia al mio fornitore di poterlo ritirare cosa che lui fa (credo molto di mala voglia) dopo circa 12 giorni dalla presentazione, e sul mio conto corrente avviene lo storno del titolo in questione. Ora le altre volte che mi è successa una cosa del genere la banca ha provveduto ad inviarmi lettera di diffida con successiva iscrizione al Cai, come da normale prassi; adesso, invece, questa cosa non è avvenuta, e se guardo nella lista degli assegni in ...

Assegno già emesso » Si può chiedere all'istituto di credito di non pagarlo più?
Una banca deve eseguire l'ordine impartito dal proprio cliente di non pagare più l'assegno già emesso. Purtroppo, però, dell'eventuale protesto resta unicamente responsabile il correntista. Chi ha già emesso un assegno può, in un momento seguente alla consegna, ordinare al proprio istituto di credito di non pagarlo più? Se si, quali sono le conseguenze? Cosa succede nell'eventualità di un protesto? Scopriamolo nel prosieguo dell'articolo. Si può chiedere alla banca di non pagare un assegno già emesso? Partiamo da un piccolo esempio: il signor Rossi ha dato al signor Bianchi un assegno, a titolo di pagamento per una prestazione che questi ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Assegno emesso non incassato