Assegno bancario con importo in lettere errato

Il 31 dicembre 2007 ho firmato e datato un AB non trasferibile di euro 18 mila e 230 per un debito generico: ad oggi (2014) ho restituito l'85% della somma. Tra me ed il beneficiario non ci sono mai stati rapporti commerciali, nè altri contratti, solo rapporti personali.

Dalla fotocopia in mio possesso vedo anche che, sull'importo in lettere, manca "mila" (diciottoduecentotrenta/00). Il creditore non vuole restituirmi l'assegno. Visto che non ci sono altri documenti sottostanti, che valore può avere l'assegno?

L'assegno, se datato, non è più presentabile allo sportello, essendo scaduti i termini.

Nel caso di discordanza fra la cifra scritta in lettere e quella indicata in cifre, vale comunque la cifra scritta in lettere.

Quindi, se l'assegno non è datato, il beneficiario può senz'altro incassare i suoi venti euro e 30 centesimi (euro 18 e 230 centesimi di euro). Se invece la data c'è (e quindi l'assegno è scaduto), il creditore può servirsi del titolo per avviare un'azione causale finalizzata ad accertare la sussistenza del debito, sempre pari a venti euro e 30 centesimi.

Se ne deduce che il suo creditore sia affettivamente legato all'originale dell'assegno e voglia conservarlo per ricordare a se stesso di controllare sempre la cifra scritta in lettere prima di accettarne uno dal suo debitore.

8 settembre 2014 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno bancario

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno non trasferibile pagato a soggetto diverso dal beneficiario
Come è noto, la legge assegni precisa che la banca che paga un assegno non trasferibile a persona diversa dal beneficiario risponde del pagamento. Per giurisprudenza consolidata, ove la banca girataria per incasso di assegno, munito di clausola di intrasferibilità, abbia eseguito il pagamento nei confronti di un soggetto non ...
Assegno bancario – girate e protesto
Se l'assegno bancario contiene delle girate, significa che ognuno dei giranti garantisce l'importo scritto sull'assegno, e potrà, dunque, essere chiamato a rifonderlo nel caso di mancato pagamento da parte della Banca. Il mancato pagamento dell'assegno all'atto di presentazione per l'incasso deve risultare dal protesto, ovvero da un atto pubblico (redatto ...
Assegno » La Banca può rifiutarsi di cambiarlo se non siete correntisti?
Una banca non può rifiutarsi di cambiare un assegno bancario a vista solo perché il beneficiario è sprovvisto di conto corrente presso l'istituto di credito. La normativa vigente, regolarizzata dall'articolo 31 del Regio Decreto 1736/1933, chiarisce che ogni assegno bancario è pagabile a vista. Ma, sebbene la legge disponga ciò, ...
Assegno - obbligo della clausola non trasferibile per assegni di importo pari o superiore a 1.000 euro
Per assegni bancari, postali e circolari di importo pari o superiore a 1.000 euro è obbligatoria la clausola di "non trasferibilità". E' possibile richiedere per iscritto il rilascio di moduli di assegni utilizzabili senza clausola “non trasferibile” esclusivamente per importi inferiori a 1.000 euro, ma bisogna corrispondere - a titolo ...
L'assegno bancario privo di data di emissione è nullo
L'assegno bancario, o postale, privo di data di emissione è nullo, nel senso che vale solo come mera promessa di pagamento: l'eventualità che il portatore metta in circolazione il titolo nonostante la mancanza di data, può essere fonte di pregiudizi per il traente, dato che agli effetti della validità dell'assegno ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca