Decreto legge 34/2020 (Rilancio) – Sospensione dell’articolo 48 bis del DPR 602/1973 in base al quale mi è stata bloccata l’erogazione della NASpI anticipata per debiti esattoriali

Ho in corso un pignoramento verso terzi ex articolo 543 del codice di procedura civile, di euro 11 mila e 200 circa, da parte di Agenzia delle Entrate Riscossione. Ora con la rottamazione ho portato il mio debito a 1200 euro e ho avuto lettera di riduzione del debito dalla stessa Agenzia. Nel mio caso, INPS ha bloccato la mia NASPI ANTICIPATA. Con la lettera di riduzione mi hanno pagato una parte delle mie spettanze. Ora sono rimasti bloccati 1200 euro circa, posso richiedere l’applicazione dell’articolo 153 del decreto legge 34/2020 (decreto rilancio) per farmi sbloccare il pagamento? (nel frattempo ho chiesto di rateizzare il restante mio debito).

L’articolo 153 del decreto legge 34/2020 (rilancio) dispone che nel periodo intercorrente fra l’8 marzo ed il 31 maggio 2020 non si applicano le disposizioni dell’articolo 48-bis del decreto del Presidente della Repubblica 602/1973. Le verifiche eventualmente già effettuate, anche in data antecedente a tale periodo per le quali l’agente della riscossione non ha notificato l’ordine di versamento previsto dall’articolo 72-bis, del medesimo decreto, restano prive di qualunque effetto e le amministrazioni pubbliche nonché le società a prevalente partecipazione pubblica, procedono al pagamento a favore del beneficiario.

Nel suo caso, tuttavia, l’agente della riscossione ha già notificato l’ordine di versamento, tanto è vero che, stante l’inadempimento, le era già stato effettuato il pignoramento della Naspi anticipata presso l’INPS.

E’ vero che l’articolo 48 bis del DPR 602/1973 interviene solo nel caso in cui l’esposizione debitoria verso la Pubblica Amministrazione risulti superiore a cinquemila euro, ed attualmente il suo debito è di soli 1.200 euro, ma è anche vero che la procedura amministrativa è stata avviata quando il debito ammontava ad 11 mila euro e rotti, e comunque ora la somma, seppure ridotta, è stata pignorata e non è più nella disponibilità dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

22 Maggio 2020 · Paolo Rastelli

Il vostro esperto mi ha detto di no: il garante del contribuente la pensa diversamente.

Di seguito la sua risposta: l’art.153 del dl rilancio dispone l’inapplicabilità dell’art.48 bis del DPR n.602/73 nel periodo di sospensione di cui all’art.68 della legge 24/4/2020 n.27 anche per le verifiche eventualmente già effettuate in data antecedente a tale periodo per le quali l’agente della riscossione non ha notificato l’ordine di versamento e la relazione illustrativa chiarisce che la non applicazione dell’art.48 bis citato è stabilita in modo che il debitore possa ricevere il pagamento delle somme di cui è creditore nei confronti della P.A. anche nel caso in cui sia inadempiente per un importo pari almeno a 5.000 euro all’obbligo di versamento derivante da uno o più cartelle di pagamento>/em>

Quindi due sono le condizioni: un debito di almeno 5000 euro e la mancata notifica dell’ordine di versamento di cui all’art.72 bis del DPR n.602/73.

Nel suo caso mi pare che non sia rispettata almeno la condizione del debito poichè Lei dichiara che ammonta ad euro 1142,42.

Sbaglierò, ma a me sembra che il garante del contribuente la pensi esattamente come il mio collega: comunque, sia come sia, la sostanza sta nel fatto che lei non ha alcun diritto all’applicazione dell’articolo 153 del decreto legge 34/2020 (cosiddetto decreto rilancio).

Poteva anche risparmiarsi (e risparmiarci) la precisazione.

8 Giugno 2020 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Naspi anticipata bloccata per debiti esattoriali del disoccupato
Ho già letto un articolo del pignoramento della Naspi anticipata (disocupazione anticipata): sono un padre di 4 bambini e sono rimasto senza lavoro e ho sentito che c'è la possibilità di avere la Naspi anticipata se si apre la partita iva. Ho aperto la partita iva, depositato i documenti e viene accolta. Quando dovevano fare il bonifico mettono il pignoramento su tutta la somma 15 mila euro circa. Adesso mi ritrovo disperato senza lavoro, e senza la disoccupazione. A qualcuno e già successo leggendo sul forum, ma non spiega come e finita. Per cortesia se potete darmi una mano per ...

NASpI anticipata bloccata da Agenzia delle Entrate Riscossione per cartelle esattoriali non pagate dal beneficiario - Come posso risolvere?
Io fatto richiesta dell'anticipo naspi, oggi mi hanno chiamato e mi hanno detto che il pagamento è bloccato perché ho delle cartelle delle Equitalia da risolvere. dall'INPS devo avere 16000 euro e ad Agenzia delle Entrate Riscossione (ADER - ex Equitalia) dovrei dare intorno ai 9000 euro ma la mia domanda ora come mi devo comportare? Quale la strategia più opportuna? ...

Naspi anticipata e articolo 48 bis del dpr 602/1973 (Disposizioni sui pagamenti delle pubbliche amministrazioni)
Visto che ho aderito al saldo e stralcio della rottamazione ter, posso sbloccare la mia NASPI anticipata bloccata da INPS e Agenzia delle entrate riscossione con il 48 bis? Come si può procedere? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Decreto legge 34/2020 (Rilancio) – Sospensione dell’articolo 48 bis del DPR 602/1973 in base al quale mi è stata bloccata l’erogazione della NASpI anticipata per debiti esattoriali