Agenzia Entrate ed evasione fiscale – Contraddittorio preventivo obbligatorio: di cosa si tratta?

Dal primo Luglio, nell’ambito della lotta all’evasione fiscale, entrerà in scena il contraddittorio preventivo obbligatorio, come deliberato dall’Agenzia delle Entrate.

Potreste spiegarmi, in parole povere, in cosa consiste?

Da un lato la buona notizia di non dovere più provare la propria correttezza dopo essersi visti arrivare a casa gli avvisi di accertamento riguardanti imposte sui redditi e addizionali: dall’altro la solita situazione di debolezza per il contribuente nei confronti del fisco, trovandosi a dover giustificare la propria dichiarazione anche se corretta laddove per le Entrate vi fosse un elemento non chiaro da verificare.

Dal prossimo 1 luglio scatterà il cosiddetto “contraddittorio preventivo obbligatorio” dell’Agenzia delle Entrate nei confronti di alcune tipologie di contribuenti.

Una sorta di “interrogatorio” o di “faccia a faccia” preventivo tra il potenziale evasore e il Fisco.

A renderlo noto, spiegandone le modalità, è la stessa Agenzia con la circolare n. 17/E di oggi con cui si forniscono tutti i chiarimenti, dall’ambito applicativo ad ampio raggio delle nuove regole ai casi di esclusione, e ad alcuni aspetti legati all’iter del procedimento sul fisco, come la “motivazione rafforzata” che l’Agenzia deve fornire nel caso di mancato accoglimento dei chiarimenti e dei documenti prodotti dal contribuente.

L’applicazione della misura è definito dal Dl 34/2019, che prevedeva, proprio che a decorrere dal 1 luglio 2020, che gli uffici dell’Agenzia delle Entrate fossero tenuti, in materia di fisco, a invitare al contraddittorio il contribuente prima di emettere avvisi di accertamento riguardanti imposte sui redditi e addizionali, contributi previdenziali, ritenute, imposte sostitutive, Irap, imposta sul valore degli immobili all’estero (Ivie), imposta sul valore delle attività finanziarie all’estero (Ivafe) e Iva.

Sono questi, dunque, i campi di applicazione dell’istituto del contraddittorio preventivo obbligatorio che si configura ad ampio raggio considerando che l’Agenzia incoraggia il ricorso al contraddittorio preventivo, quando possibile, anche nei casi non obbligatori, al fine di valorizzare il più possibile il confronto anticipato con il contribuente e di accrescere l’adempimento spontaneo.

L’istituto si può non applicare quando è stata rilasciata copia del processo verbale di chiusura delle operazioni da parte degli organi di controllo.

Inoltre, il documento di prassi di oggi precisa che in caso di mancata adesione l’avviso di accertamento deve essere motivato con riferimento ai chiarimenti e ai documenti forniti dal contribuente. L’esito del contraddittorio diventa quindi protagonista e costituisce parte della motivazione dell’accertamento.

Come riportato dalla circolare: La collocazione dell’obbligo del contraddittorio nel decreto legislativo che disciplina l’adesione rafforza l’intero impianto del procedimento accertativo, anche al fine di prevenire la fase contenziosa; nell’accertamento con adesione, infatti, l’ufficio valuta gli elementi forniti dal contribuente al fine di determinare compiutamente la pretesa tributaria. Al riguardo, si osserva che il contraddittorio permette: al contribuente di partecipare, durante il procedimento avviato ai sensi dell’articolo 5 del decreto legislativo 19 giugno 1997, n. 218, alla fase di analisi dei dati e delle informazioni raccolti dall’ufficio nella fase istruttoria. Durante il confronto il materiale istruttorio raccolto dall’ufficio si arricchisce, giacché il contribuente fornisce all’Amministrazione elementi utili alla relativa valutazione; dall’Amministrazione di incrementare l’efficacia e l’efficienza dei controlli,rafforzando la sostenibilità della pretesa impositiva. Pertanto, il confronto anticipato con il contribuente assume un ruolo centrale nell’assicurare la corretta pretesa erariale e, in generale, nello spingere i contribuenti medesimi a incrementare il proprio adempimento spontaneo, così da ridurre, conseguentemente, il tax gap

23 Giugno 2020 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cassetto fiscale Agenzia Entrate - Di cosa si tratta?
Vorrei sapere a cosa si fa riferimento quando si parla di accesso al cassetto fiscale dell'Agenzia delle Entrate, nell'ambito del controllo della propria posizione debitoria nei confronto dello Stato. Potete darmi delucidazioni? ...

Evasione fiscale - Conti correnti spiati? C'è l'ok del governo
Ho letto su Facebook una notizia che mi sembra sconvolgente, ovvero che sarà permesso al Governo di spiare i conti correnti di tutti gli italiani per verificare l'evasione fiscale. Spero che sia una bufala perché mi sembra davvero assurdo. Sapete qualcosa? ...

Evasione fiscale e sequestro preventivo - Quando il terzo può pagare l'imposta evasa ponendo fine alla confisca
In tema di reati tributari, il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del profitto del reato, corrispondente all'ammontare dell'imposta evasa, può essere legittimamente mantenuto fino a quando permane l'indebito arricchimento derivante dall'azione illecita, che cessa con l'adempimento dell'obbligazione tributaria. Il mantenimento del sequestro preventivo è giustificato fino al momento in cui si realizza il recupero delle imposte evase a favore dell'amministrazione finanziaria con corrispondente riduzione del patrimonio personale del contribuente, momento superato il quale non ha più ragione di essere mantenuto in vita la misura cautelare. Se l'evasore è anche creditore di un terzo soggetto e quest'ultimo salda il ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Agenzia Entrate ed evasione fiscale – Contraddittorio preventivo obbligatorio: di cosa si tratta?