Agenzia debiti

Ho già letto le altre risposte sulle agenzie debiti, ma una cosa mi sfugge.

Ho 30000€ di debiti inps già notificati da equitalia. Un agenzia debiti mi ha detto che se queste cartelle non vengono notificate da un messo comunale o da un esattore, ma arrivano tramite posta o raccomandata possono essere contestate e il debito annullato.

E' vero o cercano soltanto di scucirmi altri soldi?

Non bisogna mai fare di tutta l'erba un fascio. Esistono professionisti seri, che quando dicono una cosa, quella è.

I professionisti che sono in contatto con lei, di sicuro valenti avvocati, non avranno alcun timore a stipulare un "patto di quota lite".

Si tratterà, in pratica, di concordare un compenso in percentuale per ogni cartella esattoriale di cui riusciranno ad ottenere l'annullamento e lo sgravio.

Per farle un esempio, se lei ha una cartella esattoriale che fra importo iscritto a ruolo, spese ed interessi quota, mettiamo 1000 euro, lei riconoscerà loro un compenso pari, sparo una cifra, al 30%, cioè 300 euro. Se, naturalmente, saranno capaci di farla annullare.

Però, è anche giusto che nel caso le cose vadano male, non siano a rimetterci solo gli avvocati dell'agenzia. In questa evenienza le spese vanno ripartite al 50%. Ma per spese intendo i costi vivi, cioè imposte di bollo e contributi unificati previsti per presentare il ricorso (anche un caffè per la segretaria che batterà al pc la sua istanza di impugnazione).

Restano esclusi gli onorari, perchè il patto di quota lite si configura come un contratto di partecipazione agli utili ed una ripartizione delle spese. Lei mette le cartelle annullabili (e non è poco) loro ci mettono il know-how.

La cosa, inquadrata così e se accettata, mi sembra salomonica e mediatrice di tutti i conflittuali interessi in gioco.

Ci provi e ci faccia sapere. Noi siamo fiduciosi. Al limite ci fornisce i riferimenti che a questa agenzia gli mandiamo, di certo, altri clienti.

15 febbraio 2012 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

agenzie debiti

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Atti trasmessi via posta - Compiuta giacenza e perfezionamento della notifica per il destinatario
Com'è noto, nella notifica diretta effettuata tramite servizio postale, qualora il destinatario risulti temporaneamente assente, il postino lascia un avviso di giacenza dell'atto presso l'ufficio postale (a tale proposito, leggasi questo topic). In tale circostanza, è da confutare, a nostro parere, l'affermazione secondo la quale alcune Pubbliche Amministrazioni ritengono che ...
La notifica per compiuta giacenza “frega” spesso il debitore
Andrà sempre verificato se la notifica di un atto (verbale di multa, cartella esattoriale) sia stata correttamente eseguita anche nel caso di temporanea irreperibilità e compiuta giacenza. Nei casi in cui non sia possibile eseguire la consegna per irreperibilità o incapacità o rifiuto de destinatario o dei terzi, l'ufficiale giudiziario ...
Cessione d'azienda e di ramo d'azienda - Dei debiti risponde l'acquirente o l'alienante?
La regola generale prevede che nel trasferimento dell'azienda i creditori aziendali possono contare sulla responsabilità sia dell'alienante che dell'acquirente, entrambi obbligati in solido. La previsione della solidarietà dell'acquirente dell'azienda nella obbligazione relativa al pagamento dei debiti dell'azienda ceduta è posta a tutela dei creditori, e non dell'alienante: sicché, essa non ...
Notifica diretta a mezzo posta della cartella esattoriale » per la CTP di Roma è nulla
La Commissione tributaria provinciale di Roma si è pronunciata in favore del contribuente, annullando la cartella di pagamento notificata a mezzo posta direttamente dall'Agente della riscossione (Commissionte tributaria provinciale di Roma, sentenza del 13 giugno 2013, numero 247 Si tratta di una questione tuttora aperta, su cui si sta affermando ...
Mutuo ipotecario - Può essere finalizzato all'estinzione di debiti pregressi
La giurisprudenza di legittimità ha precisato come l'erogazione di un mutuo ipotecario non destinato a creare un'effettiva disponibilità nel mutuatario, già debitore in virtù di un rapporto obbligatorio non assistito da garanzia reale, non integra necessariamente le fattispecie della simulazione del mutuo (con dissimulazione della concessione di una garanzia per ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca