Acquisto immobile ereditato con beneficio d’inventario

Vorrei acquistare un immobile ereditato con beneficio d’inventario da più familiari (il proprietario è morto da meno di cinque anni): l’immobile è libero da ipoteche. La mia domanda è: in questi casi si possono verificare situazioni che mettano in dubbio la mia piena proprietà?
Ad esempio creditori del defunto che si vogliano rivalere su di me? Oppure eredi?

Il patrimonio ereditato con beneficio di inventario dagli eredi deve servire a questi ultimi per far fonte ad eventuali richieste di rimborso da parte dei creditori del defunto: quindi, nel periodo decennale di prescrizione, a meno che non sia stata portata a termine la liquidazione dell’eredità beneficiata, e la vendita non sia stata autorizzata dal giudice della successione, si corre il rischio che l’atto di trasferimento della proprietà venga sottoposto ad azione revocatoria da parte dei creditori del defunto, che sono anche creditori degli eredi, seppur nei limiti dell’importo rappresentato dal valore commerciale dell’eredità beneficiata.

30 Ottobre 2020 · Michelozzo Marra

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Accettazione dell'eredità con beneficio di inventario - Vendita immobile ereditario autorizzata dal tribunale per soddisfare i creditori del defunto e ripartizione del residuo qualora fra coeredi ci fosse un debitore solidale con il de cuius
Sono coerede con due figli minori ed ho accettato l'eredità lasciata da mio marito con beneficio di inventario sia per me che per i figli: nella successione sono presenti un immobile (che era di proprietà personale di mio marito) e diversi debiti. Esattamente: 1) la metà di un mutuo garantito da ipoteca di primo grado sull'immobile di proprietà di mio marito; per questo mutuo ero - e lo sono ancora - cointestataria debitrice non datrice di ipoteca; 2) un mutuo a nome solo di mio marito e garantito di ipoteca di 2 grado sullo stesso immobile; 3) un ...

Immobile ereditato ancora indiviso e debiti esattoriali del de cuius - Ipoteca o pignoramento del conto corrente dei singoli coeredi?
Mio nonno ha dei debiti con Agenzia delle Entrate: dopo la sua morte, ha lasciato in eredità ai suoi 5 figli un immobile che però ancora non è stato diviso. La mia domanda è: Agenzia potrebbe procedere un domani con un pignoramento del conto corrente degli eredi in presenza di questo immobile? O è tenuta prima ad ipotecare l'immobile? Ho letto in internet che di regola il pignoramento del conto corrente è una forma di esecuzione che si attua solo quando il debitore non ha immobili da ipotecare. È vera questa cosa? ...

Azione revocatoria sulla vendita di un immobile ereditato
In seguito alla morte dei genitori i signori A, B e C hanno ereditato un immobile in parti uguali con l'intenzione di venderlo. Il signor A ha una situazione debitoria complessa con l'Agenzia delle Entrate, tanto che il suo veicolo è gia stato sottoposto a fermo amministrativo (ganasce fiscali). Nonostante questo il sig. A sta provando a convincere i fratelli B e C a vendere l'immobile. Sorge a questo punto il dubbio di B e C circa una revoca sull'atto di vendita a terzi: temono, infatti, che l'agenzia delle Entrate revochi l'atto di vendita, e si trovino poi nei guai ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Acquisto immobile ereditato con beneficio d’inventario