Acquisto prima casa ma ne posseggo già una comprata fruendo dei benefici fiscali

Argomenti correlati:

Sono proprietario di un immobile già acquistato come prima casa, sposato con divisone dei beni e mia moglie non possiede immobili: devo acquistare un altro immobile in altro comune dove risiedo attualmente con mia moglie.

Da quello che ho letto nel forum sembra che io non possa più usufruire delle agevolazio i prima casa.
Se acquistiamo un immobile del valor di 200.000,00 ed io in sede contribuisco per il 50%
Mia moglie può fare un mutuo come prima casa per la restante quota?

Le imposte da versare quando si compra con i benefici prima casa sono, nell’ipotesi che il venditore sia un privato o un’impresa che vende in esenzione Iva: imposta di registro proporzionale nella misura del 2%, imposta ipotecaria fissa di 50 euro, imposta catastale fissa di 50 euro.

Dal 1° gennaio 2016, i benefici fiscali sono stati estesi anche al contribuente che è già proprietario di un immobile acquistato con le agevolazioni prima casa, a condizione però che la casa già posseduta sia venduta entro un anno dal nuovo acquisto.

Nell’atto di acquisto del nuovo immobile in regime agevolato deve risultare l’impegno a vendere l’immobile già posseduto entro un anno. Se questo non avviene, si perdono le agevolazioni usufruite per l’acquisto del nuovo immobile e, oltre alla maggiori imposte e ai relativi interessi, si dovrà pagare una sanzione del 30%.

Tuttavia, restano ferme le altre condizioni stabilite dalla normativa vigente per poter accedere al beneficio, e cioè, non essere titolare, esclusivo o in comunione col coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione, su altra casa nel territorio del comune dove si trova l’immobile oggetto dell’acquisto agevolato; non essere titolare, neppure per quote o in comunione legale, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà, uso, usufrutto, abitazione o nuda proprietà, su altro immobile acquistato, anche dal coniuge, usufruendo delle medesime agevolazioni prima casa.

Questo per quanto riguarda il capitolo imposta di registro, catastale e ipotecaria.

Per quanto attiene, invece, la detraibilità del mutuo, l’unica condizione imposta dalla legge è quella per cui gli interessi passivi devono riferirsi ad un mutuo contratto per l’acquisto di una casa adibita ad abitazione principale, vale a dire la casa nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente. Pertanto, la detrazione spetta al contribuente acquirente e intestatario del contratto di mutuo, anche se l’immobile è adibito ad abitazione principale di un suo familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado).

La detraibilità degli interessi passivi dovuti per il mutuo concesso per l’acquisto di una casa da adibire ad abitazione principale è, pertanto, svincolata dai requisiti necessari per fruire dell’agevolazione prima casa relativa agli sconti per imposta catastale, ipotecaria e di registro.

28 Marzo 2019 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Abitazione comprata con agevolazioni fiscali prima casa: ma devo rivenderla - Come riacquistarne un'altra con credito d'imposta
Dopo tanti sacrifici, sono riuscito a comprare un'abitazione, per me e mia moglie: ho usufruito delle agevolazioni fiscali prima casa per l'acquisto dell'immobile. Purtroppo, però, destino ha voluto che mia moglie fosse (obbligatoriamente) trasferita in un'altra sede della ditta per cui lavora, dopo appena sei mesi. Dunque, dovremmo per forza vendere questa abitazione e comprarne un'altra in un'altra città. Cosa accade ora? Perderò le agevolazioni per la prossima casa? C'è qualche deroga o condono? ...

Prima casa acquistata in comproprietà con coniuge separato fruendo delle agevolazioni fiscali - Vorrei acquistare una seconda casa sempre con agevolazione fiscali ed affittare la prima
Sono possessore di un immobile al 50% acquistato nel 2009 con agevolazioni prima casa: il mio ex marito (siamo, separati dal 2013) è proprietario del restante 50%. La casa è assegnata a me e nostro figlio. Posso acquistare una seconda casa beneficiando nuovamente delle agevolazioni prima casa e quella in comproprietà metterla in affitto? ...

Decadenza degli accertamenti per la verifica dei requisiti di accesso ai benefici fiscali concessi per l'acquisto prima casa
Gli uffici dell'Agenzia delle Entrate controllano gli atti per i quali è stata richiesta l'applicazione dei benefici fiscali prima casa per verificare la presenza di tutti i requisiti e il rispetto delle condizioni previste dalla legge. Per effettuare questo controllo, gli uffici devono rispettare precise scadenze. In particolare, la verifica va fatta, entro i seguenti termini: tre anni dalla data di registrazione dell'atto; tre anni dalla scadenza dei 18 mesi a disposizione dell'acquirente per il trasferimento della residenza nel comune dove si trova l'immobile; tre anni dalla scadenza dei 12 mesi a disposizione del contribuente per acquistare un nuovo immobile, ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Acquisto prima casa ma ne posseggo già una comprata fruendo dei benefici fiscali