Accettazione eredità con beneficio d’inventario per il figlio minore e imposta di registrazione dell’atto

Sono genitore di un minore orfana del padre ed ho effettuato come genitore esercente la patria potestà (giusta autorizzazione del Giudice Tutelare) l’accettazione con beneficio d’inventario.

Ho redatto l’inventario e volevo sapere: il minore sconta l’imposta per la registrazione dello stesso? (considerato che ha già pagato per la trascrizione dell’atto di accettazione).

Il genitore esercente la patria potestà diventa automaticamente tutore e quindi soggetto al deposito della relazione – rendiconto annuale della situazione economica del minore in cancelleria al Giudice Tutelare?

Se ha già versato i 294 euro dovuti per per la trascrizione dell’atto di accettazione nei registri immobiliari, nulla è più dovuto.

Il genitore esercente la patria potestà sul figlio minore è tenuto al deposito del rendiconto annuale della situazione economica relativa all’eredità beneficiata presso la cancelleria del Giudice Tutelare competente.

28 Ottobre 2020 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Successione con minore coerede - Se il minore è prossimo a compiere i 18 anni è possibile in qualche modo evitare la procedura di accettazione con beneficio di inventario ed il coinvolgimento del tutore designato?
Caso di successione con un minore tra gli eredi (nella specifico moglie deceduta con marito, figlio maggiorenne ed altro figlio minorenne). Nel caso in cui al minore, alla data del decesso della madre mancassero solo alcuni mesi al raggiungimento della maggiore età é possibile, onde evitare le ingenti spese previste per l'accettazione dell'eredità obbligatoriamente (per il minore) con beneficio d'inventario (spese legale, imposte di registrazione e trascrizione, costo del cancelliere/notaio che venga a fare materialmente l'inventario, parliamo insomma di migliaia di euro) é possibile non procedere ad alcun adempimento (dopo la richiesta al giudice tutelare ad essere autorizzati ad accettare ...

Quando il chiamato all'eredità è un minore » L'accettazione obbligata con beneficio di inventario e le conseguenze della mancata redazione dell'inventario
Il minore, chiamato all'eredità, può solo accettare con beneficio di inventario (articolo 471 del codice civile): la norma, peraltro, con il successivo articolo 489 accorda un ulteriore vantaggio al minore prevedendo che, anche laddove non abbia in precedenza provveduto a redigere l'inventario, possa comunque predisporre tale atto nel termine di un anno dal raggiungimento della maggiore età, conservando quindi gli effetti e i vantaggi del beneficio. Infatti, qualora il genitore esercente la responsabilità genitoriale sul figlio minore, chiamato all'eredità, faccia l'accettazione prescritta dalla normativa vigente (accettazione con beneficio di inventario), ma non compili l'inventario necessario per poter usufruire della limitazione ...

Decesso garante di un prestito - La rinuncia all'eredità del genitore comporta l'obbligatoria accettazione con beneficio di inventario del figlio minore » Oppure i genitori possono chiedere al giudice tutelare l'autorizzazione a rinunciare in nome e per conto del figlio minore
Mia madre è deceduta da pochi giorni e gli unici eredi legittimi siamo io e mia sorella: mia madre non aveva proprietà ma era garante di un mutuo ipotecario stipulato da mia sorella e suo marito. Io vorrei rinunciare all'eredità per evitare di subentrare alla fideiussione, ma ho una figlia minorenne. La fideiussione cadrebbe quindi su di lei. Cosa mi consigliate di fare per evitare tutto ciò? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Accettazione eredità con beneficio d’inventario per il figlio minore e imposta di registrazione dell’atto