Divorzio e mantenimento dell'ex coniuge » Che cosa sta cambiando

In tema di Assegno di mantenimento all'ex coniuge in caso di divorzio, i nuovi orientamenti giurisprudenziali stanno letteralmente stravolgendo gli assiomi del passato: ma quanto c'è di concreto in tutto ciò? Facciamo chiarezza nel prosieguo dell'articolo.

Nei giorni scorsi abbiamo parlato di una sentenza della Suprema Corte, la 11504/17, che ha fatto molto discutere.

Infatti, con la stessa, la Corte di Cassazione ha stravolto il suo trentennale orientamento giurisprudenziale in materia di mantenimento all'ex coniuge.

Un cambiamento di rotta che ha totalmente declassato il ruolo del tenore di vita quale parametro per stabilire se l'assegno divorzile sia o meno dovuto, espungendolo dai criteri che devono essere osservati non solo ai fini del suo riconoscimento, ma anche ai fini della sua determinazione.

Inoltre, con un altro giudizio, seppur meno importante poiché espresso ancora in primo grado, il tribunale di Milano, con l'ordinanza del 22 maggio 2017, ha fissato la misura di reddito sopra la quale il coniuge non ha diritto al mantenimento perché è indipendente economicamente e può farcela da solo

Comunque, nei prossimi paragrafi, cercheremo di far luce sulla situazione attuale.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su divorzio e mantenimento dell'ex coniuge » che cosa sta cambiando. Clicca qui.

Stai leggendo Divorzio e mantenimento dell'ex coniuge » Che cosa sta cambiando Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 30 maggio 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca