Diffida ad adempiere e risoluzione del contratto

Colui che eccepisce l’inadempienza contrattuale dell’altro contraente, non per questo invoca la risoluzione del contratto, ma manifesta solo di volersi astenere temporaneamente dall’adempimento, fino a quando l’altro contraente non abbia adempiuto o comunque abbia offerto di adempiere la propria obbligazione.

Dalla diffida ad adempiere rimasta infruttuosa non scaturisce la risoluzione del contratto quando anche il diffidante sia inadempiente, posto che l’inadempimento dello stesso priva di giuridica rilevanza quello del diffidato.

In pratica, l’intimazione, da parte del creditore, della diffida ad adempiere (articolo 1454 del codice civile) e l’inutile decorso del termine fissato per l’adempimento non eliminano la necessità dell’accertamento giudiziale della gravità dell’inadempimento, e non comportano, automaticamente, la risoluzione del contratto.

Infatti, a seguito della diffida ad adempiere senza esito, intimata dalla parte asseritamente adempiente, il giudice deve comunque valutare, ai fini della risoluzione del contratto, la sussistenza degli estremi, soggettivi e oggettivi, dell’inadempimento a carico della controparte; in particolare, deve verificare sotto il profilo oggettivo che l’inadempimento sia grave e sotto il profilo soggettivo, la responsabilità del debitore inadempiente.

Questo l’orientamento dei giudici della Corte di cassazione così come emerge dalla lettura della sentenza 11748/15.

10 Settembre 2015 · Loredana Pavolini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Diffida ad adempiere » Ecco cosa fare quando il debitore non paga
Tutela del creditore - Ecco cosa fare quando il debitore non paga Tutela del creditore: oggi scopriamo la diffida ad adempiere. Ecco, infatti, come agire quando il debitore insolvente non onora l'obbligo neanche dopo l'invio della messa in mora. All'interno dell'articolo una chiara spiegazione sulla procedura stragiudiziale più usata: la diffida di pagamento. Prima di intraprendere un'esecuzione forzata, il creditore può valutare alcuni tentativi per cercare di ottenere dal moroso il soddisfacimento dei propri diritti in via stragiudiziale o bonaria. Con questa azione, c'è il vantaggio, qualora vi sia esito positivo, di risparmiare i tempi e i costi connessi alla ...

Diffida ad adempiere per multa presa in Croazia - La polizia postale chiarisce qualcosa a proposito delle richieste di questo fantomatico avvocato Pacheco Vinkovic?
Caso analogo a quello inserito da Vania, a questo link: ho ricevuto diffida adempiere per presunta multa non pagata in croazia Zagabria nel marzo 2016, dall'avvocato Pacheco Vinkovic con 8 giorni di tempo per effettuare il bonifico (190 euro) pena la possibile attivazione del procedimento di esecuzione da parte della magistratura croata. Non ho prove per dimostrare nè che il parcheggio l'avevo regolarmente pagato nè che la multa era stata effettivamente notificata e posta sul parabrezza (hanno allegato la foto della mia auto dove si vede qualcosa sul parabrezza ma non si capisce cosa sia e noi non abbiamo trovato ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su diffida ad adempiere e risoluzione del contratto. Clicca qui.

Stai leggendo Diffida ad adempiere e risoluzione del contratto Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 10 Settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 7 Maggio 2016 Classificato nella categoria consigli ed avvisi utili Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)