Designazione degli eredi come beneficiari di una polizza caso morte

Supponiamo che il de cuius lasci una vedova, non abbia figli e ascendenti, ma solo un fratello e non abbia redatto testamento: com’è noto nelle condizioni appena immaginate, apertasi la successione, l’eredità viene ripartita per 2/3 al coniuge superstite e per 1/3 al fratello. Per le modalità di divisione in assenza di testamento si consulti questo articolo.

Per giurisprudenza (fin qui) consolidata (sentenza Cassazione 9388/1994 fra le tante) quando in un contratto di assicurazione contro gli infortuni, compreso l’evento morte, sia stato previsto che l’indennità venga liquidata ai beneficiari designati o, in difetto, agli eredi, tale clausola va intesa nel senso che l’individuazione dei beneficiari-eredi va effettuata secondo i modi tipici di ripartizione dell’eredità (testamentaria o legittima) e le quote tra gli eredi, in mancanza di uno specifico criterio di ripartizione, devono presumersi uguali.

In base a tale principio, l’indennizzo della polizza assicurativa avrebbe dovuto essere ripartito, nello scenario ipotizzato, al 50% fra coniuge superstite e fratello del defunto.

Invece, a parere dei giudici della Corte di cassazione, terza sezione civile, estensori della sentenza 19210/15, l’approccio giuridico va ribaltato: il contraente che avesse voluto devolvere l’indennizzo agli eredi testamentari o legittimi in misura egualitaria, ben avrebbe potuto farlo con indicazioni specifiche nel contratto di assicurazione.

Ne segue che nel silenzio del contraente, la sua intenzione di devolvere l’indennizzo della polizza assicurativa caso morte agli eredi va ricostruita nel senso di correlare l’attribuzione dell’indennizzo ai soggetti individuati come eredi in misura proporzionale alla quota in cui ciascuno ha diritto secondo la modalità di successione effettivamente verificatasi (legittima o testamentaria). Deve escludersi cioè che, per la mancata precisazione nella clausola contrattuale di uno specifico criterio di ripartizione, le quote dell’indennizzo debbano essere liquidate in misura eguale agli eredi.

E dunque, in conformità a questa diversa (e nuova) interpretazione, l’indennizzo della polizza assicurativa deve essere ripartito, sempre nelle condizioni prese come esempio pratico di riferimento, per 2/3 al coniuge superstite e per 1/3 al fratello del defunto.

1 Ottobre 2015 · Lilla De Angelis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Gli eredi non hanno il diritto di conoscere i dati identificativi dei beneficiari della polizza sulla vita stipulata dalla persona poi defunta
In tema di trattamento dei dati personali, tra i dati concernenti persone decedute, ai quali hanno diritto di accesso gli eredi, non rientrano quelli identificativi di terze persone, quali sono i beneficiari della polizza sulla vita stipulata dal de cuius, ma soltanto quelli riconducibili alla sfera personale di quest'ultimo. In pratica, gli eredi possono accedere, ad esempio, alle cartelle cliniche relative ai ricoveri ospedalieri, ma non sono autorizzati ad accedere ai dati personali non riferiti direttamente al defunto, come sono le informazioni relative ai terzi beneficiari nella polizza vita stipulata dalla persona poi deceduta. I beneficiari della polizza assicurativa a ...

Ciascun coerede può prelevare la quota di giacenza nel conto corrente del de cuius proporzionale a quella ereditaria » La banca non può opporre il mancato consenso degli altri coeredi.
L'ordinanza 27417/2017 della Corte di cassazione ha stabilito che ciascun coerede può agire nei confronti del debitore del de cuius per la riscossione della quota proporzionale a quella ereditaria vantata, senza la necessità del coinvolgimento degli altri coeredi, e soprattutto senza che venga in alcun modo precisato che l'iniziativa del coerede sia ammessa solo allorquando avvenga nell'interesse della comunione. Ora, atteso che la banca con cui il de cuius intrattiene, al momento della morte, un rapporto di conto corrente, o in conto titoli, è debitrice del defunto, ne discende che ciascun coerede può prelevare la quota di giacenza in conto ...

Al coniuge superstite non può mai essere conferita la qualità di possessore dei beni ereditari in conseguenza dell'esercizio del diritto di abitazione e di uso dei mobili che corredano la casa familiare
La permanenza del coniuge superstite dopo il decesso dell'altro coniuge nell'abitazione familiare appare qualificabile come esercizio del diritto di abitazione e di uso dei mobili che la corredano. Questo vale sia qualora il coniuge superstite sia legatario (successione per testamento) sia nell'ipotesi di successione legittima: pertanto deve escludersi che il fatto di continuare ad abitare, dopo l'apertura della successione, nella casa familiare e ad utilizzare i mobili che la corredano possa conferire al coniuge superstite la qualità di possessore di beni ereditari. Questo il principio giuridico enunciato dai giudici della Corte di cassazione con la sentenza 23406/15. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su designazione degli eredi come beneficiari di una polizza caso morte. Clicca qui.

Stai leggendo Designazione degli eredi come beneficiari di una polizza caso morte Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 1 Ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 9 Febbraio 2019 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di eredità successione e donazioni Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)