Decurtazione punti a minorenni e nuove disposizioni sulle patenti

Indice dei contenuti dell'articolo


Decurtazione punti a minorenni e nuove patenti - come cambia la situazione?

Ho saputo che ci sono delle novità per quanto riguarda la decurtazione punti dalla patente.

Mi pare di aver capito che ci sono stati dei notevoli cambiamenti anche per quanto riguarda le età di idoneità alla guida e alcune nuove patenti.

Ho sentito addirittura che sarà possibile togliere i punti ai minorenni.

Come cambia la situazione ora?

Decurtazione punti a minorenni e nuove patenti - Le recenti disposizioni

Ha sentito bene: infatti, dal 19 gennaio 2013 sono entrate in vigore le nuove patenti il cui numero passa da 9 a 15: abolito il patentino per i motorini, ci vogliono 16 anni per guidare le microcar, mentre per le licenze C1 e D1 ci vogliono rispettivamente 18 e 21 anni; per la C (camion) e D (autobus) invece 21 e 24 anni.

Con le nuove disposizioni sulle patenti di guida, il sistema viene ampliato: la decurtazione dei punti patente scatterà anche per i minori che avranno conseguito le licenze di tipo AM, A1 e B1 per le microcar (le cosiddette "macchinette").

La patente sarà univoca in tutta la comunità europea, sarà in formato card, con la foto del conducente in formato digitale.

Per fortuna, non cambia nulla per coloro che la patente ce l’hanno già.

Gli altri, invece, dovranno scegliere tra nuovi tipi di licenze, che passano da 9 a 15, con sottocategorie che consentono di guidare solo una parte dei veicoli inseriti nella categoria principale.

Le precedenti categorie C e D vengono sostituite dalla C1 e dalla D1, conseguibili a 18 e 21 anni.

Per poter ottenere la C (camion) e la D (autobus) occorre avere rispettivamente 21 e 24 anni.

La patente B1 consente la guida di microcar con massa superiore a 400 kg ed è conseguibile a 16 anni.

Per i minori nasce la nuova categoria AM, per motorini e microcar, che rimpiazza il Certificato di idoneità guida ciclomotore, il cosiddetto Patentino.

La AM potrà essere presa a 14 dopo il passaggio di un esame, che sarà praticamente uguale a quello per la patente A.

Ai possessori di patente AM, anche se minorenni, potrà essere applicata la decurtazione punti.

La A1 per le moto 125 di cilindrata si può prendere a 16 anni mentre la nuova A2 a 18.
Quest'ultima consente di guidare moto fino a 35 kw.

Per avere la A ‘principale’, per la guida di tutte le moto senza limitazioni, occorrono almeno 20 anni ma solo se si ha la A2 da almeno 2 anni.

Se non si possiede questo requisito, occorrono invece, 24 anni.

Chi, in possesso di una patente di una sottocategoria inferiore, viene colto a guidare un veicolo appartenente a una categoria superiore, rischia sanzioni penali, proprio come se guidasse senza patente.

L’ammenda va da 2.257 a 9.032 euro, oltre al fermo amministrativo del veicolo per tre mesi.

Dopo il 2 febbraio 2013, si passerà a una semplice sanzione amministrativa di 1.000 euro.

C'è però, la sospensione della patente da quattro a otto mesi.

Che dire, si prospettano tempi duri per gli automobilisti!

21 Gennaio 2013 · Andrea Ricciardi


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Patente a punti » Ecco come impugnare la decurtazione
In caso di decurtazione dei punti della patente, qualora si pensi sia ingiusta, per la presentazione del ricorso non è necessario attendere la comunicazione dell'Anagrafe nazionale. In caso di sanzione, la quale comporti una decurtazione dei punti dalla patente, infatti, l'automobilista che voglia fare opposizione non deve attendere la comunicazione di avvenuta variazione dei punti che viene effettuata dall'Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida una volta che il procedimento sanzionatorio si sia ormai concluso. Al contrario, deve proporre opposizione davanti al giudice di pace già contro il preavviso di detta decurtazione, preavviso che è contenuto nel verbale di accertamento con ...

Multa con decurtazione punti patente » Fornisci un nome falso? Rischi il carcere
Rischia il carcere chi paga la multa ma poi dà il nome di un dipendente per il taglio dei punti-patente. Infatti, integra il reato di falsità ideologica, commessa dal privato in atto pubblico, la condotta dell'intestatario del veicolo sanzionato per violazione del codice della strada che indica alle autorità le generalità di un suo dipendente, all'insaputa di quest’ultimo, come conducente del veicolo al momento dell'accertamento dell'infrazione. Ciò, laddove la circostanza, smentita dall'interessato, si rivela non rispondente al vero, dovendosi ritenere che l'agente si procuri un ingiusto profitto con altrui danno addossando all'altro la decurtazione dei punti-patente. Questo, in sintesi, il ...

Multa per eccesso di velocità e decurtazione punti patente - Cosa accade se il proprietario del veicolo non comunica i dati del conducente
Nel caso di multa per eccesso di velocità che prevede anche la decurtazione dei punti della patente e la sospensione della patente, si possono evitare entrambe le sanzioni accessorie omettendo di comunicare, così come richiesto nel verbale di contestazione (art.126 bis C.D.S) già notificato, i dati anagrafici e i dati della patente di chi era alla guida del veicolo il giorno dell'infrazione? si andrebbe incontro solo ad una seconda multa? grazie ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su decurtazione punti a minorenni e nuove disposizioni sulle patenti. Clicca qui.

Stai leggendo Decurtazione punti a minorenni e nuove disposizioni sulle patenti Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 21 Gennaio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 29 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte