Decreto ingiuntivo notificato all'erede per i debiti del de cuius - L'eventuale successiva accettazione con beneficio di inventario può essere eccepita dinanzi al giudice dell'esecuzione

Com'è noto, l'effetto del beneficio d'inventario consiste nel tenere distinto il patrimonio del defunto da quello dell'erede: di conseguenza, l'erede non è tenuto al pagamento dei debiti ereditari oltre il valore dei beni a lui pervenuti. Se il patrimonio non è sufficientemente capiente, i creditori del defunto, ancora non soddisfatti, non possono aggredire il patrimonio dell'erede.

Se l'erede è in possesso dei beni ereditati (tutti o alcuni) e intende accettare l'eredità con beneficio d'inventario, lo deve fare entro tre mesi dalla data della morte. Se l'inventario non è compiuto nei tre mesi, l'erede decade dal beneficio e viene considerato erede puro e semplice con la conseguenza che dovrà farsi carico di tutti gli eventuali debiti del defunto. Se l'erede non è in possesso di beni appartenenti al defunto, può chiedere l'accettazione con beneficio di inventario entro dieci anni dalla morte.

L'accettazione col beneficio d'inventario si fa mediante dichiarazione, ricevuta da un notaio o dal cancelliere del tribunale del circondario in cui si è aperta la successione, e inserita nel registro delle successioni conservato nello stesso tribunale. Entro un mese dall'inserimento nel registro delle successioni, la dichiarazione deve essere trascritta, a cura del cancelliere, presso l'ufficio dei registri immobiliari del luogo in cui si è aperta la successione. L'inventario può essere chiesto al tribunale ed è eseguito dal cancelliere del giudice di pace o da un notaio designato dal defunto con testamento o nominato dal giudice di pace.

L'inventario effettuato senza la preventiva autorizzazione del Tribunale è nullo, con la conseguenza che gli eredi che hanno accettato con beneficio di inventario ed hanno lasciato trascorrere i termini per la redazione dello stesso, confidando nella validità dell'inventario non autorizzato dal tribunale, non acquistano il beneficio di inventario e, pertanto, devono essere considerati eredi puri e semplici.

Qualora al momento della formazione del titolo esecutivo giudiziale nei confronti dell'erede per un debito del cuius non fossero ancora decorsi i termini per il compimento dell'inventario da parte del chiamato all'eredità, il quale abbia dichiarato di accettare col beneficio, la limitazione della responsabilità dell'erede per i debiti entro il valore dei beni a lui pervenuti, può essere utilmente eccepita dinanzi al giudice dell'esecuzione, trattandosi di fatto successivo alla definitività del titolo.

Così hanno deciso i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 9099/2018.

15 aprile 2018 · Annapaola Ferri

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su decreto ingiuntivo notificato all'erede per i debiti del de cuius - l'eventuale successiva accettazione con beneficio di inventario può essere eccepita dinanzi al giudice dell'esecuzione. Clicca qui.

Stai leggendo Decreto ingiuntivo notificato all'erede per i debiti del de cuius - L'eventuale successiva accettazione con beneficio di inventario può essere eccepita dinanzi al giudice dell'esecuzione Autore Annapaola Ferri Articolo pubblicato il giorno 15 aprile 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 9 febbraio 2019 Classificato nella categoria accettazione e rinuncia eredità - accettazione con beneficio di inventario Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 7 giugno 2019 at 20:13

    Salve.
    Mi capitata brutta storia.Facevo operaio con collega in cantiere.Collega mi ha rubato auto,si e schiantato contro altra macchina.Datore di lavoro mi ha convinto non denunciarlo,causa perdita di lavoro.Ho fatto processo al collega,ho vinto,collega contumace.E un partita Iva,nullatenente,tutti beni della moglie o della figlia.Mia assicurazione già qualche anno come saltata 3 volte+ho auto con bella botta sul fianco,e devo pagare per un tossico e quello la dopo incidente andato in malattia con 6/100invalidita e ha preso 6000 per mia auto.E non sono riuscito pignorare niente.

    • Simone di Saintjust 8 giugno 2019 at 05:34

      Complimenti, le è andata davvero bene. Lei è proprio fortunato.

  • Anonimo 22 marzo 2019 at 12:10

    Ho eseguito un lavoro per alcuni eredi accettanti con beneficio di inventario con procedura di liquidazione pendente da alcuni anni. Da contratto pattuivamo che il mio compenso sarebbe stato a carico della procedura di liquidazione gestita dal notaio. Emettevo dunque fattura intestandola alla procedura di liquidazione. Il notaio tuttavia mi comunica che non può procedere al pagamento in assenza di autorizzazione degli eredi. Mi domando, dunque, volendo ottenere un decreto ingiuntivo, se il ricorso va proposto nei confronti degli eredi o della procedura di liquidazione, avendo io fatturato a quest’ultima. grazie

    • Ludmilla Karadzic 22 marzo 2019 at 12:14

      Lei deve perseguire gli eredi: alla procedura di liquidazione si rivolgono solo i creditori del defunto.



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca