Debiti con fornitori, banche ed INPS per attività commerciale che non procede come mi aspettavo

Da un anno ho rilevato un negozio che è andato molto male sotto tutti gli aspetti, adesso mi ritrovo con oltre 15 mila euro di debiti verso fornitori, banche, inps, e quant'altro.

Mi sono già arrivate lettere di avvocati e svariati solleciti,ma riesco soltanto in piccolissima parte a saldare parti di questo debito,è andato aumentando avendo avuto bisogno della merce per il negozio.

Siamo giunti ad una fase di stallo assoluto, visto che non ho soldi per comprare merce e per saldare debiti, per cui penso che cercherò di mettere in vendita l'attività per recuperare qualcosa.

Vorrei sapere però cosa rischio nel frattempo, visto che abito in un appartamento ammobiliato in affitto con la mia convivente, e non ho niente intestato, e i solleciti dei creditori ormai non si contano più. Insomma, il bilancio è del tutto fallimentare, tengo il telefono staccato per non essere assillato continuamente dai creditori, e vivo con un senso continuo di umiliazione.

Non so più che succederà, e vorrei recuperare dignità e tranquillità.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su debiti con fornitori, banche ed inps per attività commerciale che non procede come mi aspettavo. Clicca qui.

Stai leggendo Debiti con fornitori, banche ed INPS per attività commerciale che non procede come mi aspettavo Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il giorno 8 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca