Danno non patrimoniale - Nesso causale fra evento dannoso e illecito

La quantificazione giudiziale del danno non patrimoniale comporta sempre ed inevitabilmente un certo margine di opinabilità, a causa dell’impossibilità di tradurre in termini di denaro dolori, traumi e ferite che attengono ai sentimenti delle persone ed ai loro rapporti affettivi, la cui intensità varia anche in relazione alle rispettive sensibilità e condizioni soggettive.

Peraltro, e proprio per arginare il pericolo che si sfoci nella discrezionalità del singolo giudicante, da decenni si fa ricorso alle note “tabelle”, e la Cassazione stessa ha indicato l’esigenza di uniformarsi alle tabelle di un unico Tribunale, ovvero quello di Milano.

Inoltra, la giurisprudenza di legittimità ha più volte avvertito che, in tema di responsabilità civile, il nesso causale tra la condotta illecita ed il danno è regolato dal principio in base al quale un evento è da considerare causato da un altro se il primo non si sarebbe verificato in assenza del secondo.

Ne consegue che, ai fini della riconducibilità dell’evento dannoso ad un determinato fatto o comportamento, non è sufficiente che tra l’antecedente ed il dato consequenziale sussista un rapporto di sequenza temporale, essendo invece necessario che l’evento appaia come una conseguenza non imprevedibile dell’antecedente.

La nozione di prevedibilità (o imprevedibilità) del danno conseguente all’evento dannoso concerne le regole statistiche e probabilistiche necessarie per stabilire il collegamento di un certo evento ad un dato fatto o comportamento (causalità adeguata).

Nello specifico (sentenza 12923/15) i giudici di legittimità affrontavano il caso in cui ci si chiedeva se la morte improvvisa del coniuge, in conseguenza ad un incidente in cui era stata riconosciuta l’esclusiva responsabilità di un terzo, potesse o meno, aver provocato alla moglie un trauma emotivo tale da condurre anche lei alla morte il giorno seguente. Tale circostanza, hanno osservato nell’occasione gli ermellini, deve essere provata nel corso dei giudizi di merito tramite consulenza tecnica, in assenza della quale, un tale evento non è certamente circoscrivibile nel concetto di causalità adeguata, non rientrando la morte della moglie tra le conseguenze “normali” di un incidente stradale in cui perda la vita il marito.

25 Giugno 2015 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Risarcimento per infortunio dovuto al manto stradale sconnesso - Una volta accertato il nesso causale con il danno subito, la vittima ricorrente non deve anche dimostrare l'effettiva pericolosità della cosa
In una causa di risarcimento per infortunio dovuto al manto stradale sconnesso, una volta accertato il nesso causale con il danno subito, la vittima ricorrente non deve anche dimostrare l'effettiva pericolosità della cosa. In questi casi è onere dell'ente, in qualità di custode, dimostrare l'eventuale colpa, o concorso di colpa, del danneggiato per limitare la propria responsabilità. Per ripartire l'onere della prova la giurisprudenza di legittimità ha distinto due ipotesi; la prima: quando il danno è causato da cose dotate di un intrinseco dinamismo, l'attore ha il solo onere di provare il nesso di causa tra la cosa ed il ...

Liquidazione del danno patrimoniale e del danno non patrimoniale - I principi che devono essere osservati
Il danno patrimoniale, com’è noto, si caratterizza in danno emergente e in lucro cessante, e ciascuna di queste categorie è a sua volta compendiata da una pluralità di voci o aspetti, quali ad esempio, avuto riguardo al danno emergente, il mancato conseguimento del bene dovuto o la perdita di beni integranti il proprio patrimonio, il cosiddetto fermo tecnico, le spese (per l'avvocato difensore, per il consulente tecnico, funerarie e altro). Con riferimento al lucro cessante, invece, ci si può riferire alla perdita della clientela, al mancato perfezionamento di rapporti contrattuali con terzi, al discredito professionale, alla perdita di prestazioni alimentari ...

Danno morale, biologico, esistenziale - No a duplicazioni nel risarcimento del danno non patrimoniale
Il danno non patrimoniale si identifica con il danno determinato dalla lesione di interessi inerenti la persona non connotati da rilevanza economica e costituisce categoria unitaria non suscettibile di suddivisione in sottocategorie. Il riferimento a determinati tipi di pregiudizio, in vario modo denominati (danno morale, danno biologico, danno da perdita del rapporto parentale), risponde ad esigenze descrittive, ma non implica il riconoscimento di distinte categorie di danno. Per evitare duplicazioni nel risarcimento del danno non patrimoniale è necessario innanzitutto individuare i confini fra danno biologico da un lato e danno morale, danno da perdita del rapporto parentale, danno alla vita ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su danno non patrimoniale - nesso causale fra evento dannoso e illecito. Clicca qui.

Stai leggendo Danno non patrimoniale - Nesso causale fra evento dannoso e illecito Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 25 Giugno 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria risarcimento per danni a persone e cose

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)