Crif e segnalazione dopo un finanziamento respinto e verifica dati

Segnalato in crif vorrei verificare di essere stato cancellato

Io mi sono accorto di essere segnalato al crif dopo un finanziamento respinto e da una verifica dei dati (sempre tramite crif) risulta un finanziamento con 4 rate pagate in ritardo.

Quindi segnalato per 24 mesi specificando che il mese dove il finanziamento risulta estinto è settembre 2009, quindi il periodo di segnalazione è scaduto a settembre 2011.

Ora come faccio ad avere la certezza che sono stato cancellato? Ho il dubbio che se chiedo ora un finanziamento mi venga respinto.


Come esser sicuri che il proprio nominativo è stato cancellato da EURISC di CRIF

I nominativi dei debitori segnalati dovranno essere cancellati entro quindici giorni dall'entrata in vigore della legge di conversione del decreto in esame (7 luglio 2011) se afferiscono mancati pagamenti di un numero di rate mensili inferiore a sei o di un’unica rata semestrale.

Al momento della regolarizzazione dei pagamenti, le segnalazioni sui ritardi inserite nelle banche dati devono essere cancellate entro cinque giorni lavorativi da intermediari e banche.

E’ quanto previsto all'articolo 8-bis del Decreto Sviluppo, convertito definitivamente in legge in data 7 luglio 2011.

Per quanto riguarda invece il finanziamento respinto, i dati non possono permanere in archivio per più di trenta giorni (Codice della Privacy, che disciplina la materia della registrazione, permanenza e cancellazione dei dati identificativi del debitore in ogni suo aspetto).

Deve chiedere la cancellazione di questi dati alla CRIF. Lo può fare seguendo la procedura indicata qui.

Il dubbio sul possibile rifiuto di finanziamenti resterà comunque. E' quasi certa l'esistenza di banche dati occulte dei cattivi pagatori, a cui gli intermediari accedono ottenendo dati storici del debitore anche dopo la loro cancellazione dalle Centrali Rischi ufficiali.

13 Novembre 2012 · Simone di Saintjust


Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) utilizza il form che trovi più in basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Se il post è stato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!