Crediti, record di frodi

Cresce in Italia l’allarme per le frodi creditizie effettuate attraverso false identità. Nell’ultimo anno i tentativi fraudolenti sono aumentati del 55% raggiungendo quota 17mila per un ammontare complessivo di 80 milioni di euro (rispetto ai 46,5 milioni stimati nel 2005). È quanto emerge dalle ultime elaborazioni dell’Osservatorio Crif sulle frodi creditizie, presentato oggi a Roma nell’ambito della European fraud conference 2007.
Lo scenario. Il quadro è destinato a peggiorare. L’84% degli operatori intervistati (nel periodo luglio-settembre) ritiene, infatti, che le frodi creditizie aumenteranno anche nel 2008.
Come avvengono le truffe. I reati avvengono nel 28% dei casi con l’utilizzo di documenti originali, ma rubati o smarriti; nel 21% dei casi attraverso la presentazione di una copia del documento, mentre il 10% dei truffatori esibiscono documenti falsificati. Segni evidenti della preoccupante disattenzione – evidenzia l’indagine – con cui alcuni centri commerciali e società finanziarie verificano i dati dei clienti.
Le frodi più frequenti. Sulla base di un campione di 1.400 denunce alle Forze dell’Ordine tra luglio 2006 e giugno 2007 risulta che più della metà delle truffe è finalizzata all’acquisto di beni a rate, il 39% alla richiesta di un finanziamento. Più contenuto, invece, il numero di frodi che coinvolgono carte di credito, conti correnti e l’emissione di assegni falsi. In quest’ultimo caso l’importo frodato si aggira intorno ai 5.600 euro contro una media inferiore ai 2mila.

di Vito Lops

16 Novembre 2007 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Cosa sto leggendo

Stai leggendo Crediti, record di frodi Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 16 Novembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)